fbpx
giovedì, 22 Ago 2019
Quattro Zampe
Attualità

Al lavoro con loro, si produce di più

“Take your dog to work day” è la Giornata mondiale dei cani in ufficio che ogni anno si celebra il 26 giugno. Fu lanciata nel 1996 nel Regno Unito dall’associazione Pet Sitters International, poi giunta nel 1999 negli Stati Uniti e in Canada, dove oggi rappresenta ormai una realtà consolidata tanto che un’azienda su cinque è pet friendly.

Maggiore produttività

A confermare gli effetti benefici derivati dalla presenza dei nostri beniamini sulla produttività in azienda, è una ricerca condotta di recente negli Stati Uniti da Purina, azienda di riferimento nel settore PetCare del gruppo Nestlé, in collaborazione con il Mississippi State University College of Veterinary Medicine su un campione di 750 intervistati. In sintesi, dallo studio emerge che i dipendenti che lavorano in contesti pet-friendly hanno quasi il doppio delle probabilità di essere molto soddisfatti del loro operato rispetto a chi lavora in aziende che non ammettono animali domestici.

Meno stress, più soddisfazione

Quali sono i principali benefici grazie alla presenza di un cane in ufficio? Minor stress, maggior produttività, soddisfazione professionale e spirito di collaborazione: in sintesi, un aumento del benessere sul luogo di lavoro. La ricerca, inoltre, rivela che più della metà di coloro che desidererebbero lavorare accanto al proprio animale è disposto a compiere sforzi per rendere il proprio luogo di lavoro a misura di pet e l’85% del personale di aziende pet-friendly concorda sui benefici delle policy aziendali sul tema.

Pets@Work

Pioniera in Italia tra le aziende del settore petfood e petcare è Purina, che dallo scorso anno ha lanciato “Pets@Work”, il progetto che consente ai collaboratori dell’azienda di portare con sé il proprio cane negli uffici del nuovo Campus del Gruppo ad Assago (MI). L’iniziativa è frutto di un lungo percorso, durato due anni, che ha attraversato tutte le verifiche preliminari necessarie a garantire il rispetto della salute, della sicurezza e delle esigenze di tutte le persone che lavorano in azienda, oltre che dei pet. Il risultato è stata la creazione di una policy dedicata, con regole e procedure condivise, diffusa a ogni singolo collaboratore. È un progetto in cui l’azienda ha creduto fin da subito, tanto da voler condurre una ricerca con un’importante università statunitense.

Altre letture consigliate

L’Australia vuole sterminare 2 milioni di gatti

Maria Paola Gianni

Pimpi, la cagnolina di Susanna Tamaro avvelenata da un boccone

Alessandro Macciò

Quando scappa la pipì: dove fare i bisognini?

Claudia Ferronato

Maxi Zoo: nuovo concorso “L’amore vale oro”

Claudia Ferronato

Il cane chiuso in auto sotto il sole? Ecco come si giustifica chi l’ha fatto…

Claudia Ferronato

Estate: le vacanze a regola di pet

Claudia Ferronato