fbpx
lunedì, 9 Dic 2019
Quattro Zampe
Butteri mestiere
Attualità

Butteri: un mestiere antico

I Butteri delle Due Maremme è il nome di un’associazione che ha come scopo quello di unire le due “Maremme” (quella laziale e quella toscana). L’idea si è presentata ai fondatori dopo una cena tra amici con qualche boccale di vino, quando lo stesso amore per le tradizioni della propria terra, ha “unito” due ragazzi toscani e uno del Lazio. L’associazione ha come missione quella di mantenere viva una tradizione che sta lentamente scomparendo a causa dei cambiamenti culturali, dell’evoluzione del
territorio e semplicemente, della modernizzazione.

Butteri, in sella da sempre

Un tempo i butteri lavoravano per i ricchi proprietari terrieri prendendosi cura del bestiame e avevano un ruolo fondamentale nello spostare le mandrie. Soprattutto durante l’estate, quando per difendersi dal caldo e dalla malaria, si trasferiva il bestiame dalle pianure alle colline durante le transumanze. L’area compresa tra Maccarese e Grosseto e l’Agro Pontino, fino agli anni ’30 era un terreno acquitrinoso e impervio a causa delle paludi. Successivamente, grazie alle grandi opere di bonifica, la malaria fu sconfitta e oggi in queste terre ancora molti uomini praticano questo antico mestiere allevando il bestiame allo stato brado.

L’associazione per la cultura del buttero

I Butteri delle Due Maremme si impegnano particolarmente a mantenere viva la loro tradizione e partecipano spesso a fiere equestri dove si possono vedere in azione con la loro mandria divacche e cavalli, mostrando al pubblico come si esegue il lavoro di un buttero. Oltre agli spettacoli alle varie fiere, i Butteri delle Due Maremme presentano anche incontri con i ragazzi delle scuole per avvicinare i giovani alla loro tradizione e organizzano stage e weekend dove è possibile imparare tutto ciò che c’è da sapere su questo affascinante mondo. È anche possibile unirsi a loro durante il periodo delle transumanze visitando zone bellissime tra animali allo stato brado e misteriosi siti archeologici etruschi immersi nella natura incontaminata della Tuscia.

Un nuovo mondo

Oggi il modo di allevare il bestiame è cambiato. Una volta lo stallone viveva con il suo branco di femmine, le fecondava quando era il momento giusto e si occupava di tenerle insieme, aiutando anche il lavoro del buttero. Ma, a partire dagli anni ’60, per migliorare la razza, veniva mandato uno stallone selezionato dall’Istituto di Incremento Ippico di Pisa, e dopo la stagione, a settembre tornava a casa. Oggi, invece, ci sono le stazioni di monta e la percentuale di successo è scesa notevolmente rispetto al 100 per cento che si aveva allo stato brado. Una volta nati, i puledri o i vitelli restano con la madre fino a settembre, poi vengono svezzati e venduti.

butteri fiere

Informazioni di contatto

Per conoscere le iniziative dei Butteri delle Due Maremme e avvicinarsi a questo splendido mondo è

possibile partecipare a uno degli stage o un weekend: https://www.facebook.com/ButteriDelleDueMaremme
butteridelleduemaremme@gmail.com
tel. 346.0860407

Altre letture consigliate

Ingrid de Storie: la Madre Teresa degli animali

Redazione Quattro Zampe

Spagna: costringono due gattini a fumare e mettono il video sul web

Redazione Quattro Zampe

Investe di proposito il cane della vicina perché abbaia troppo

Redazione Quattro Zampe

Cane cosparso di acido muore agonizzante sotto gli occhi dei padroni disperati

Redazione Quattro Zampe

97 cani salvati dall’Uragano Dorian

Redazione Quattro Zampe

L’Australia vuole sterminare 2 milioni di gatti

Maria Paola Gianni