fbpx
lunedì, 19 Ago 2019
Quattro Zampe
Attualità

Gorgona: richieste di grazia

di Lino Cavedon* – foto di Rachele Z. Cecchini

*Centro Studi Terapie con gli animali Teca

© RIRODUZIONE RISERVATA

Abbiamo incontrato gli animali di Gorgona, i suoi detenuti, gli esseri viventi che lì conducono un’esistenza serena, di rinascita. Tutto questo potrebbe finire presto… e il carcere isola scomparire. Per fortuna ci sono le richieste di grazia.

La carta degli animali

Il veterinario Marco Verdone, autore del libro Ogni specie di libertà, ha redatto una “Carta degli animali”. Questa è composta da trentasei articoli, suddivisi in quattro parti dedicate ai principi fondamentali, alle esigenze della specie e dei singoli individui animali, alle attività con gli animali, alle varie specie e a tutte le azioni per provare a conciliare gli interessi animali, umani e ambientali. L’art. 1 recita: “Gli animali non sono cose, né macchine”. Come gli umani, essi sono esseri “senzienti” e hanno diritto a una vita degna e a non soffrire.

Le richieste di grazia

A Gorgona tutti gli animali hanno un nome e molti detenuti la notte ospitano un gatto in cella come amico. Per tali ragioni, il direttore del carcere ha accettato varie richieste di “grazia” che gli sono state presentate per iniziare a risparmiare la vita di alcuni animali con grande impatto emotivo e affettivo. La Natura diventa pertanto maestra di vita, laboratorio di relazioni con la terra e con gli animali, a forte valenza rieducativa. Uscito dall’isola, dopo avere consumato su un tavolino di legno davanti il recinto delle mucche un delizioso pranzo preparato con straordinaria gentilezza da Guri e Hafid (due detenuti stranieri che lavorano con pecore e capre), in compagnia del direttore Mazzerbo e di altri operatori, mi sono portato a casa profumo di rosmarino e una bella lezione di vita.

 

1I soggetti che per ora hanno chiesto al Direttore Carlo Mazzerbo la “grazia” per gli animali sono:

1. Scuola per l’infanzia Barriera Margherita di Livorno;

2. Des Livorno – Distretto di Economia Solidale di Livorno;

3. Do Re Miao! – Associazione di Promozione Sociale – AcsiI;

4. Marco Verdone e Massimo Bertani (veterinari);

5. Giuseppe Fedele, educatore, responsabile A.P., Gorgona;

6. Alcuni detenuti che lavorano con gli animali;

7. Giovanna Borgoni, studentessa di antropologia;

8. Ippoasi Fattoria della Pace;

9. …e tante altre persone di buona volontà.

Altre letture consigliate

L’Australia vuole sterminare 2 milioni di gatti

Maria Paola Gianni

Pimpi, la cagnolina di Susanna Tamaro avvelenata da un boccone

Alessandro Macciò

Quando scappa la pipì: dove fare i bisognini?

Claudia Ferronato

Maxi Zoo: nuovo concorso “L’amore vale oro”

Claudia Ferronato

Il cane chiuso in auto sotto il sole? Ecco come si giustifica chi l’ha fatto…

Claudia Ferronato

Estate: le vacanze a regola di pet

Claudia Ferronato