fbpx
venerdì, 26 Apr 2019
Quattro Zampe
I Lupi in Italia: il progetto Mirco-Lupo
Attualità

Lupi in Italia: Life Mirco-lupo

 

Lupi in Italia ce ne sono, lo sappiamo, tuttavia vivono spesso in situazioni difficili e a rischio. Ecco un’iniziativa per la loro salvaguardia che ci piace tanto.

Progetto Life Mirco-Lupo

CLupo-parcoon il progetto “Life Mirco-Lupo”, avviato nel 2014 nel Parco nazionale dell’Appennino tosco-emiliano, si intendono assicurare migliori condizioni di conservazione per il lupo agendo su alcuni elementi di minaccia di origine antropica legati, in particolare, al fenomeno dell’ibridazione con il cane domestico. “Nell’ambito del progetto, spiega Willy Reggioni, responsabile di ‘Life Mirco-Lupo’ e del gruppo ‘Wolf Apennine Center’, “sono realizzate azioni finalizzate a indagare l’effettiva incidenza dell’ibridazione tra cane e lupo e quelle finalizzate a sperimentare soluzioni gestionali per contrastare il fenomeno dell’ibridazione che è oggi considerato uno dei più subdoli e pericolosi fattori di minaccia per la specie lupo”. Per questo motivo, attraverso mirate attività di cattura, lo staff del “Wolf Apennine Center” del Parco nazionale dell’Appennino toscoemiliano sta accertando la purezza degli esemplari e procedendo con la loro sterilizzazione nel caso risultino ibridi.

Si cercano volontari

Incontrare-un-lupo (3)Coinvolti nel progetto sono: il Parco nazionale dell’Appennino toscoemiliano; il Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga; il Corpo Forestale dello Stato; l’Iea, Istituto di Ecologia Applicata di Roma e il Carsa, editoria e comunicazione al servizio dell’ambiente. Il progetto, in sostanza, tra i suoi obiettivi ha il monitoraggio delle popolazioni di lupo, la cattura e sterilizzazione degli ibridi, attività di monitoraggio degli eventi di predazione a carico di bestiame domestico, attività di formazione del personale, nonché attività di sensibilizzazione.

Gli esperti del Parco Nazionale, nell’ambito della campagna di monitoraggio, si avvalgono anche dell’aiuto di volontari, per cui chi fosse interessato può partecipare alla fase di identificazione genetica non-invasiva di lupi e ibridi.

Lupi in Italia: Furio e Mirco

Incontrare-un-lupo (1)I primi due esemplari sterilizzati tramite vasectomia e coinvolti dal progetto sono Furio e Mirco.

“Sono due maschi di diversa età e probabilmente destino”, spiega Willy Reggioni, “il primo, di circa un anno, è in fase di dispersione e dopo aver esplorato l’intera Provincia di Parma sta ora cercando un territorio libero nell’Appennino reggiano. Mirco, invece, è un maschio di almeno cinque o sei anni di età che mostra i segni di un animale che ha perso il suo possibile status di dominante. Oggi occupa un territorio non ancora ben definito, pur mostrando fedeltà ad alcune zone nelle quali ritorna con regolarità”.

Per ottenere queste informazioni i due animali, dopo essere stati catturati e determinati geneticamente come ibridi di cane – lupo, sono stati rilasciati dotati di un collare Gps – Gsm in grado di rilevare la loro posizione a intervalli regolari di tempo. “I due collari”, prosegue Reggioni, “permetteranno nei prossimi anni di approfondire alcuni aspetti dell’ecologia degli ibridi, ad oggi poco conosciuti, e sui quali circolano numerose leggende e pregiudizi, come una presunta maggiore pericolosità verso l’uomo, ancora tutta da dimostrare”.

Lupe in Italia: Lubiana e Bandia

Nei primi mesi di attività sono state catturate anche due femmine, Lubiana e Bandia, appartenenti allo stesso branco.

Entrambe sono state liberate immediatamente dopo la cattura, perché non mostrano alcun segno di ibridazione e anch’esse dotate di collare Gps – Gsm, sia per migliorare le conoscenze sulla biologia della specie, sia per chiarire un aspetto comportamentale particolare del branco di cui fanno parte, autore di diverse predazioni a carico di cani da caccia.

“Agire per la conservazione del patrimonio genetico del lupo”, conclude Willy Reggioni, significa di fatto agire per il lupo. Il lupo si è evoluto sotto la pressione della selezione naturale per milioni e milioni di anni. Oggi il risultato magnifico di questo processo evolutivo naturale è messo in serio pericolo dalla nostra distrazione nel gestire i cani, parenti stretti del lupo, ma frutto dei nostri processi di selezione artificiale e delle nostre esigenze di domesticazione”.

 

Per informazioni: www.lifemircolupo.it

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altre letture consigliate

Pimpi, la cagnolina di Susanna Tamaro avvelenata da un boccone

Alessandro Macciò

Quando scappa la pipì: dove fare i bisognini?

Claudia Ferronato

Maxi Zoo: nuovo concorso “L’amore vale oro”

Claudia Ferronato