fbpx
venerdì, 22 Mar 2019
Quattro Zampe
canile cento code
Cani Centri Cinofili

Cento Code, un canile polifunzionale in Val di Susa

In Val di Susa è stata inaugurata una nuova struttura di accoglienza per quattrozampe, una mega area che presto diventerà il punto nevralgico di tante altre attività cinofile. Il canile, che vuole proporsi come polo multifunzionale per la didattica e l’informazione ai cittadini, è stato realizzato grazie al finanziamento di una ballerina di burlesque e di danza del ventre, amante degli animali.

La storia

canile val di susa

La storia di questo canile ha dell’incredibile. Graziella Marchisio, scomparsa nel 2000 per un brutto male, negli anni, grazie al suo lavoro, aveva accumulato una fortuna. Eppure aveva scelto di vivere in una roulotte con il compagno e continuare a viaggiare. Non avendo parenti, voleva lasciare tutto a lui affinché fondasse una fondazione per aiutare gli animali. Ma Mario muore improvvisamente di leucemia, lasciandola da sola.

Il patrimonio di Graziella è quindi rimasto ballerino fino al 1994, quando la ballerina chiese al notaio Restivo, già vicepresidente dell’ Enpa, di far nascere una fondazione per aiutare i cani abbandonati. Dopo circa quindici anni, necessari per ottenere le varie autorizzazioni, il suo sogno si è finalmente realizzato.

La struttura

struttura cinofila

L’impianto si sviluppa su una superficie di 10.900 metri quadri, di cui 6.630 occupati dalla struttura che ospita i cani.

Può accogliere fino a 100 cani, da qui il nome “Cento Code”, ed è suddiviso in canile sanitario, con un reparto di osservazione composto da 19 box, l’area parco, con 71 box, aree di sgambamento e aree per l’ accoglienza dei visitatori.

Ogni box è dotato di una Laikatrap, ossia una trappola per la cattura degli insetti vettori della lieshmaniosi (i flebotomi), mentre solo alcuni box sono dotati di riscaldamento nella zona notte. Tutti gli alloggi sono infatti suddivisi in una zona giorno e una notte, un’area di sgambamento inclusa nella prima. Approvigionamento dell’acqua potabile e lavaggio dei box sono invece garantiti da un impianto di distribuzione automatica, munito di dispositivo antigelo invernale.

I servizi offerti

enpa

Tra i diversi servizi offerti dalla struttura, vi sono:

  • accoglienza cani randagi
  • recupero cani da combattimento sequestrati
  • visite didattiche riservate alle scuole
  • corsi accalappiatori
  • addestramento unità cinofile soccorso
  • sala di socializzazione per cani
  • sala convegni

Altre letture consigliate

La palazzina crolla, ma il cane eroe abbaia e salva tutti

Alessandro Macciò

Si erano smarriti: lupi cecoslovacchi uccisi a fucilate

Alessandro Macciò

Pedro, il cane abbandonato due volte e adottato dalla Croce Rossa

Alessandro Macciò