fbpx
sabato, 25 Mag 2019
Quattro Zampe
Curiosità

A Brescia una mostra sugli animali nell’arte

C’è tempo fino al 9 giugno per visitare “Gli animali nell’arte dal Rinascimento a Ceruti”, la mostra curata da Davide Dotti e allestita a Brescia nelle sale di Palazzo Martinengo.

Un viaggio nella pittura che ha ritratto gli animali, per scoprire come venivano raffigurati e qual era il loro rapporto con l’uomo, ma anche una lezione di ecologia ed etologia.

La mostra, inaugurata il 19 gennaio, infatti ha ottenuto il patrocinio del Wwf e comprende anche delle schede dedicate alla salvaguardia dell’ambiente, delle specie protette e della biodiversità.

Gli animali nell’arte sacra

Il percorso della mostra attraversa 80 opere ed è diviso in dieci sezioni. La prima sala ospita i dipinti a soggetto sacro, ispirati ai testi biblici. I visitatori possono ammirare capolavori come l’Entrata degli animali nell’Arca di Noè del Grechetto, San Giorgio e il drago di Melchiorre Gherardi e la Visione di Sant’Eustachio di Giuseppe Cesari. Tra babbuini, cani, gatti, draghi e cavalli, la prima sezione mette in mostra un repertorio di animali che sembrano guardare chi li osserva.

Paolo Antonio Barbieri, Ritratto di lagotto

Dagli animali mitologici a quelli fantastici

La seconda stanza della mostra è dedicata agli animali mitologici come il cane di Diana, l’aquila di Ganimede, il toro che rapisce Europa e il cigno divino che concupisce Leda. Nelle stanze successive si possono ammirare cani, gatti, uccelli, pesci, rettili e animali della fattoria, spesso raffigurati in compagnia dell’uomo. L’ultima stanza della mostra ospita gli animali esotici e fantastici, come quelli dipinti dal misterioso Maestro della fertilità dell’uovo.

Domenico Fiasella, Ritratto di ragazzino con cane

Vecchio con carlino e vecchio con gatto bianco

I pezzi forti della mostra però sono due dipinti di Giacomo Ceruti, detto il “Pitocchetto”. Nel Ritratto di vecchio con carlino si può vedere un anziano nobiluomo con la barba fluente e curata, vestito con un colbacco una giubba di velluto, che stringe la zampa del suo carlino. Nel Ritratto di vecchio con gatto bianco la scena è speculare, ma al posto del nobiluomo c’è una figura più dimessa e al posto del carlino c’è un gatto bianco dagli occhi scintillanti.

Due modi diversi per dire attraverso l’arte che gli animali erano parte della famiglia già nel Settecento.

Indirizzario: 

Gli animali nell’arte dal Rinascimento a Ceruti 

Approfondimenti: 

Se oltre al dipinto ti piace anche l’animale, scopri tutto sul carlino, cane mignon dalla Cina con amore

Altre letture consigliate

Cagnolini veri usati come premi tra i peluche

Alessandro Macciò

Aggressioni di cani all’uomo, 70 mila casi all’anno

Alessandro Macciò

Canile di Spoleto, sette cucce realizzate dai detenuti

Alessandro Macciò

Roma, sì ai cani nelle spiagge (e a una Spa tutta per loro)

Alessandro Macciò

L’ultima frontiera della lotta ai tumori: il fiuto dei Beagle

Alessandro Macciò

CORRI DOG, la camminata solidale riparte da Bergamo

Alessandro Macciò