fbpx
giovedì, 21 Mar 2019
Quattro Zampe
Curiosità

Il Bernese, dolcissimo bovaro svizzero

Travolto da una crescita e da un certo successo negli ultimi anni, il Bovaro del Bernese sta sempre più facendo breccia nei cuori di molte famiglie umane.

Il cane Bernese ha una bellezza splendidamente rustica, uno sguardo dolce e languido che colpisce, un carattere equilibratissimo, perfetto per una famiglia con bambini.

Sulle Prealpi che circondano Berna e nelle valli del Canton di Berna il Bovaro del Bernese aveva il compito di trainare latte e prodotti caseari sulle anguste stradine montane. Dall’alpeggio fino al punto dove venivano venduti i prodotti, si dice che poteva trasportare anche quattro forme di formaggio o due bidoni colmi di latte. Inoltre, era un prezioso guardiano delle mandrie e delle proprietà.

Cane multitasking. Il Bovaro del Bernese è un eccellente cane da lavoro, come pet therapy e salvataggio. Adora le coccole e stare al centro dell’attenzione, soffre la solitudine. Molto equilibrato e coraggioso, non è mai aggressivo.

Originariamente veniva chiamato col nome “Dürrbächler”.

Evidente richiamo al nome della locanda e della borgata di Dürrbäch, vicino a Riggisberg, situato nel Canton di Berna, area molto popolata dai magnifici bovari.

Già nei primi anni del Novecento alcuni soggetti furono presentati alle esposizioni canine da appassionati di questa razza autoctona, così gli allevatori decisero di fondare il “Club svizzero del Dürrbächler”, seguì poi la stesura dello standard di razza. Nel 1910, in occasione di una fiera canina, furono presentati più di cento soggetti di Dürrbächler e da quel giorno venne ribattezzato Bovaro del Bernese, col proposito di seguire l’esempio delle altre tre razze da Bovaro svizzere (Grande Bovaro Svizzero, Bovaro dell’Entlebuch, Bovaro dell’Appenzell). Qualche anno dopo questo cane divenne sempre più comune sia in Svizzera, che nella Germania del Sud.

Oggi, seppur la mole sia impegnativa, sta avendo un seguito di fan sempre più importante ed è molto apprezzato come cane da compagnia.

Forse perché una volta visto un Bovaro del Bernese cucciolo, è praticamente impossibile non innamorarsene, o probabilmente perché ha un carattere eccezionale o una sensibilità fuori dal comune.

È un tipo molto tranquillo, ma a questa placidità alternerà momenti di vivacità e gioco, che potrà condividere con i più piccoli. Ha una vera e propria predilezione per i bambini, oltre che una pazienza biblica: ama giocare con loro e farsi fare le coccole, per questa ragione è molto indicato per le famiglie, si creerà un rapporto speciale e diventerà il protettore speciale dei più piccoli.

Tutte queste qualità caratteriali, unite al vigore fisico, hanno contribuito a rendere il Bovaro utilissimo nell’ambito della protezione civile, nella pet therapy, ma anche nel soccorso in acqua.

L’aspetto è meraviglioso e unico: ha una linea imponente, ma raccolta e ben proporzionata, è ricoperto da un magnetico mantello nero focato, è impossibile non voler affondare le mani in quel soffice pelo, offrendogli qualche carezza, cosa che peraltro il Bovaro non disdegnerà mai.

Quell’inconfondibile triscia bianca. Il simpaticissimo testone del Bernese, ha la inconfondibile striscia bianca e degli occhioni dolcissimi.

Esprime una certa fierezza, anche nell’andatura che appare abbastanza leggiadra ed elegante, nonostante la mole. Il suo testone è simpaticissimo e presenta la classica striscia candida che divide simmetricamente la fronte, gli occhi rotondi esprimono la dolcezza e sensibilità, tipiche di questa razza, grazie alle quali riesce a comunicare benissimo.

Ama le coccole e adora sentirsi parte integrante della famiglia, che dovrà occuparsi di lui coinvolgendolo nel disbrigo delle incombenze quotidiane, poiché il Bernese soffre la solitudine.
Il Bovaro del Bernese è anche un cane da riporto. Adora riportare le cose, come le pantofole o il giornale, è un cane che va tenuto impegnato sia mentalmente che fisicamente.

Nonostante nasca come cane da lavoro, non necessita di eccessiva attività fisica, bastano un paio di lunghe passeggiate e qualche corsetta in campagna, però è bene tenerlo impegnato mentalmente oltre che fisicamente, magari offrendogli la possibilità di svolgere qualche piccolo compito, come il riporto delle ciabatte la sera o del quotidiano; passerà il resto del tempo a sonnecchiare placidamente.

Se ben educato potrà accompagnare il suo umano in molte situazioni, anche al ristorante, la spiccata predisposizione a collaborare con l’essere umano lo ha reso un eccellente cane da lavoro e basterà mettere subito in chiaro le regole per assicurarsi un cane perfettamente educato; questa peculiarità è un piacevole lascito dei compiti che svolgeva in passato, con pazienza e costanza il Bovaro si rivelerà un allievo modello.

È fondamentale saper controllare il Bovaro del Bernese, soprattutto se si considera che un esemplare maschio può arrivare a pesare 50 chili, cercando di concentrarsi sulla conduzione a guinzaglio, il traino ce l’ha nel sangue!

“Traina” al guinzaglio… Occhio quando lo si porta al guinzaglio. Il Bovaro del Bernese, che può arrivare anche a pesare cinquanta chili, adora trainare e lo farà anche con voi. Meglio fargli seguire un corso di educazione fin da piccolo.

Bernese e Pet Therapy

Il cane Bernese dimostra uno spiccato senso di accudimento e protezione verso il prossimo e grazie anche all’eccellente sensibilità viene spesso utilizzato nella pet therapy. Ovvero un processo di interazione fra un essere umano e un animale. I benefici della pet therapy sono diversi, alcuni tra questi: l’aumento dell’autostima, lo sviluppo di capacità relazionali, la riduzione dell’ansia e il miglioramento della comunicazione.

Porta in montagna il tuo cane Bovaro del Bernese, sarà per lui un premio.

Cure e gestione del Bovaro del Bernese

Negli ultimi anni il Bovaro del Bernese è stato travolto da un’ondata di fan e appassionati che, perdutamente innamorati, hanno deciso di accogliere un cucciolo di Bernese in famiglia. Nonostante sia di facile gestione a livello caratteriale, ma è comunque raccomandabile un corso di addestramento di base, ha bisogno di qualche accorgimento e di cure particolari vista la taglia.

L’apparato scheletrico del cucciolo deve essere preservato onde evitare traumi, la dieta deve essere bilanciata ed è preferibile scegliere mangime di alta qualità, cercando di tenere sotto controllo il peso poiché hanno una certa tendenza a ingrassare.

La scelta dell’allevamento è cruciale per scongiurare il più possibile malattie e tare ereditarie che possono essere fulminanti per il cane. È quindi opportuno richiedere all’allevatore informazioni sui genitori della cucciolata, come ad esempio i risultati dei test relativi alla displasia e alla mielopatia degenerativa.

Il cane Bovaro del Bernese tende a ingrassare, ha bisogno di moto. Ma occhio alla torsione dello stomaco! Fate attenzione all’alimentazione: somministrate due o tre pasti al giorno così da evitare problemi di torsione gastrica. L’attività fisica deve essere bandita prima e dopo il pasto.

IO LO CONOSCO BENE

Catia Mellica è la proprietaria di Audrey e Beyoncè, due esemplari femmina di Bovaro del Bernese, che hanno rispettivamente sei e cinque anni.

Come sono entrati nella tua vita i Bovari del Bernese?

La prima Bernese è arrivata nel 2003, abbiamo dovuto aspettare due anni prima di averla, allora non c’erano molti allevamenti ed era più difficile avere un cucciolo. Inoltre, cercavamo un cane corretto e allevato bene, i cui genitori fossero stati testati per la displasia. Nel 2006 è arrivata un’altra Bernese e nel 2010 la prima cucciolata, un’esperienza meravigliosa. Inizialmente io e mio marito pensavamo fosse un cane impegnativo, invece siamo rimasti stupiti dalla facile gestione di questi bovari. Sono cani bravi che si adeguano a vivere anche in poco spazio, diventano l’ombra del padrone. Inoltre, anche se hanno a disposizione grandi spazi, loro preferiscono stare “appiccicati” al loro umano. Spesso le mie Bernesi mi accompagnano al ristorante e si comportano egregiamente in qualsiasi situazione: ovvio che questo discorso vale per i cani educati. Infatti ho sempre consigliato ai neoproprietari dei miei cuccioli un corso di educazione di base e di dare molta importanza alla socializzazione.

Aspetti più o meno belli della convivenza?

Sono cani dolcissimi che comunicano con gli occhi, hanno un atteggiamento particolare, sanno comportarsi bene sia con bambini che con anziani, infatti, sono adattissimi alla pet therapy. Hanno un grande spirito di adattamento e non necessitano di eccessiva attività fisica, bastano un paio di passeggiate al giorno, ma hanno bisogno di stare vicino alla loro famiglia. Vanno spazzolati con regolarità, ma basta abituarli da piccoli. Mangiano di tutto, ma è importante fare attenzione, hanno una certa tendenza a ingrassare. I cuccioli fino al primo anno di età non devono essere sottoposti a sforzi e traumi, come scale e salti. Non sono grandi abbaioni e hanno il pregio di non emanare odori forti. L’aspetto più triste è l’aspettativa di vita, intorno agli otto anni circa.

#BovaroDelBernese – Testimonianze dal web…

Il mio Aron è dolcissimo e molto intelligente. Non ti fa mai sentire sola, ti segue ovunque, perchè odia la solitudine e ama immensamente la sua famiglia. È paziente e molto buono e abbaia poco. Ha uno sguardo talmente dolce che non puoi non amarlo.

Sonia Bertocchi

Approfondimenti:
Leggi la scheda della razza canina Bovaro del Bernese

 

Altre letture consigliate

Fa sparire il cane del fidanzato e gli dice che è scappato

Alessandro Macciò

Sully, l’ex cane di Bush aiuterà i veterani di guerra

Alessandro Macciò

L’appello degli agenti: “Più spazio per i cani poliziotto”

Alessandro Macciò