fbpx
martedì, 15 Ott 2019
Quattro Zampe
Curiosità

Il pastore australiano: splendido ciclone

Il Pastore Australiano assomiglia molto al Border Collie, ma è più robusto e ha una diversa colorazione del mantello. Con il cugino europeo condivide il compito di guidare e proteggere il bestiame, ma mentre il primo è specializzato con le pecore, il nostro australiano è abituato alle mucche e quindi di modi ancor più spicci e persuasivi!

Un grande lavoratore

1La sua indole di gran lavoratore non si cambia, la selezione ha cercato di boicottarla e trasformarlo in un gran peluche, ma lui ama troppo darsi da fare, quindi è capace di starsene buono in casa a sonnecchiare sul divano, ma quando gli prendono i famosi dieci minuti non si tiene. Come ogni cane la cui selezione è stata fatta su delle abilità utili all’uomo, è mostruosamente intelligente e ha con l’uomo un bellissimo rapporto, perché da secoli tra i due c’è dialogo.

Furbo e scaltro

Quando però non trova un padrone di polso, una figura da riconoscere come tale, l’Aussie vorrebbe che fosse l’uomo ad obbedirgli e, siccome è furbo e scaltro e il padrone torna a casa stanco e bollito la sera, spesso ci riesce. È quindi un cane assolutamente fantastico, ma non per tutti, perché ha le sue esigenze ed è molto persuasivo nel farle rispettare. Con le buone o le cattive: quando usa le prime fissa con lingua a penzoloni e orecchie in attenzione, aspettando con un filo d’ansia che qualcuno si dia una mossa e gli faccia fare qualcosa; quando passa alle seconde invece distrugge casa per poi guardarvi soddisfatto con espressione del tipo “ora hai capito che ho bisogno di far qualcosa?!” È un numero uno nelle discipline sportive agonistiche, tipo agility, flyball o disc dog, e se può esser un buon compagno anche di chi non ha intenzione di dedicarsi a fargli fare uno sport, basta che ci sia almeno l’intenzione di coinvolgerlo nelle attività quotidiane. Lasciarlo a casa tutti i giorni, infatti, potrebbe costar caro.

Adora il suo “gregge”

Da buon pastore e da buon guardiano è legatissimo al suo nucleo famigliare, che considera affettuosamente bestie da proteggere; può capitare che sia indifferente agli estranei e che quindi non sia proprio il cane che ama farsi fare le coccole dal primo che capita, nonostante si relazioni bene con persone e cani e non abbia grandi problemi di convivenza pubblica.

Vuoi saperne di più?

Abbiamo dedicato a questo tema un ampio articolo pubblicato sul numero di dicembre del nostro giornale. Se te lo sei perso, puoi recuperarlo scaricando la App e leggendolo sul giornale digitale, basta andare a questo collegamento.

 

 

a cura di Sofia Golden

foto da Shutterstock.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Altre letture consigliate

Pet therapy con i bambini: sempre più utilizzata ed efficace

Redazione Quattro Zampe

Allenare le emozioni del cane: l’educazione a tavola

Angelo Vaira

Il cane fa la pipì in casa? Ecco perchè

Angelo Vaira

Zuffa tra cani: cosa dice la legge

Claudia Taccani

Che razza di cane è? Il carattere del cane dipende dalla sua razza

Ludovica Pierantoni

Cani come i personaggi dei fumetti. La polemica sul Pawmicon

Redazione Quattro Zampe