fbpx
giovedì, 17 Gen 2019
Quattro Zampe
Cani Curiosità

La ricerca di Royal Canin: lo stile di vita dei cani italiani

Il nostro stile di vita influisce su quello dei nostri cani e ne influenza il benessere. Ma qual è lo stile di vita dei cani italiani? Se l’è chiesto Royal Canin in occasione del lancio di Lifestyle Health Nutrition, nuova e innovativa gamma di prodotti ideata per rispondere alle esigenze nutrizionali dei diversi stili di vita dei cani. Una ricerca quali-quantitativa* condotta in collaborazione con l’istituto di ricerche di mercato Squadrati ha portato all’identificazione di 4 tipologie di stile di vita dei cani italiani rappresentate attraverso il quadrato semiotico: presenzialista, pantofolaiosportivoe indipendente.

Sono due le opposizioni emerse dall’analisi delle risposte, che costruiscono gli assi dello scenario:

  • attivo/ non attivo relativo al numero di uscite sociali e dedicate e alla predisposizione a fare attività fisica con il proprio cane;
  • viziato/ non viziato relativo all’atteggiamento di chi tende a “viziare” il cane, considerato come un figlio, con regali continui, cibo extra anche fuori pasto, gadget e accessori, in contrapposizione a chi invece considera il proprio cane in quanto animale e dunque, pur rispettando i suoi bisogni e le sue esigenze specifiche e dandogli amore, tende a non viziarlo e a non trattarlo come un figlio.

Da qui quattro profili profondamente diversi:

  • Presenzialista, 29% dei cani italiani. È il cane che “fa la vita del proprietario”, che lo porta insieme a lui in tutti i suoi spostamenti (shopping, aperitivi ecc.) ed è orgoglioso di mostrarlo in pubblico. E’ un profilo molto comune tra i 35/44enni e nei centri urbani di medie dimensioni.
  • Pantofolaio, 22% dei cani italiani. È il re di casa, non segue il proprietario nei suoi spostamenti, esce poco o brevemente ed è viziato e coccolato. Abita tendenzialmente in città e spesso è un cane anziano.
  • Indipendente, 29% dei cani italiani. Vive spesso in campagna, nei piccoli centri abitativi, molto diffuso nel Nord Est, ed è il cane che fa una vita più libera e indipendente. Dal suo proprietario riceve pochi vizi ma anche pochi stimoli.
  • Sportivo, 20% dei cani italiani. È il cane che non fa uscite “sociali” con il suo proprietario, ma molte uscite dedicate e coerenti alle sue esigenze. Pratica spesso sport insieme al proprietario, il quale gli offre molti stimoli. Meno viziato del cugino presenzialista, è un profilo che cresce tra le fila dei cani tra i 4 e gli 8 anni e tra quelli che vivono i campagna.

Altri dati interessanti che emergono dalla ricerca sono:

  • Cani di razza vs. cani meticci – I cani di razza sono più diffusi in città (54% vs 46%) e i meticci in campagna (55%).
  • I cani italiani e lo stress – Il 69% dei cani è stressato, molto o in parte, e il 26% appartiene alla categoria dei cani molto stressati. Le fonti di stress principali sono il rumore delle sirene e dei clacson, la confusione dei luoghi pubblici e l’incontro con altri cani
  • Campagna o città – Il 56% dei cani italiani vive prevalentemente in città e nei centri urbani, il 44% abita in zone di campagna.
  • “Cane unico” o molti cani – Il 22% dei proprietari di cani ne possiede più di uno, percentuale che sale al 27% in campagna.
  • Vita attiva o vita poco attiva – Ben il 73% dei cani italiani ha una vita attiva (si muove molto, gioca spesso, fa lunghe passeggiate) e questo vale sia per i cani cittadini che per i cugini rurali. Tra i cani cittadini il 92% vive in casa (dorme in casa, passa la maggior parte del suo tempo all’interno dell’abitazione), percentuale che scende al 52% per i cani di campagna.
  • Cani e sport Il 49% degli italiani non si limita a una passeggiata ma fa sport con il proprio cane.
  • Umanizzazione – Dall’analisi qualitativa è emersa una forte correlazione tra la pratica di fare i regali al cane e la tendenza a umanizzarlo. Il 60% dei proprietari dei cani di città fa regali al proprio cane contro solo il 38% dei proprietari dei cani di campagna. Sono i cani cittadini ad essere più frequentemente umanizzati: il cane è come un figlio per il 69% dei proprietari dei cani di città contro il 56% di quelli di campagna (“il cane, per quanto gli si voglia bene, resta pur sempre un animale”).
  • Il rapporto con il proprio cane – L’82% dei proprietari di cani è orgoglioso di portare con sé il proprio pet ovunque vada (86% città contro 78% campagna).
  • Curiosità: i nomi di cani più diffusi in Italia

I nomi più diffusi dei cani italiani

Lifestyle Health Nutrition di Royal Canin

Differenti stili di vita necessitano di una risposta nutrizionale profondamente diversa e adatta all’ambiente dove vive il cane, alla presenza o meno di inquinamento, alle attività praticate e al clima. Scegliendo la risposta nutrizionale più precisa, è possibile contribuire al mantenimento della salute e del benessere del proprio pet.

Royal Canin ha quindi ideato la nuova gamma Lifestyle Health Nutrition composta da tre linee di prodotto che rispondono ai diversi stili di vita.

Urban Life: per cani che vivono in un ambiente urbano stressante

URBAN

Attualmente, il 50% della popolazione vive nelle grandi città e si stima che nel 2020 il tasso di urbanizzazione salirà al 55% per raggiugere il 70% nel 2050*. Di conseguenza, anche i nostri cani vivono in questo ambiente urbano estremamente stimolante, dove gli organi di senso. Urban Life è la nuova linea di alimenti Royal Canin pensati su misura per le esigenze dei cani che vivono in città.

Grazie a una combinazione esclusiva di antiossidanti aiuta il cane a mantenere in equilibrio le difese naturali e a contrastare gli effetti dell’inquinamento sul benessere. Questi alimenti contengono inoltre prebiotici e proteine di pesce idrolizzate per contribuire alla salute digestiva del cane.

La forma esclusiva, la consistenza e le dimensioni della crocchetta facilitano la prensione e incoraggiano la masticazione dei cani di taglie diverse.

Urban Life è disponibile in versione secca e umida e si differenzia per taglie e età.

urban 2

Indoor Life: per cani che vivono prevalentemente in ambiente casalingo con uno stile di vita sedentario

indoor

I cani che vivono principalmente in casa tendono ad essere meno attivi e, di conseguenza, ad aumentare di peso. Inoltre la sedentarietà si può accompagnare a sensibilità digestive.

Indoor Lifeè il nuovo alimento studiato per sostenere una corretta funzione digestiva. Aiuta a mantenere la condizione corporea ideale grazie ad un appropriato contenuto calorico soddisfacendo i fabbisogni energetici ridotti dei cani di piccola taglia che vivono prevalentemente in casa. Questo nuovo alimento contribuisce a ridurre l’odore e il volume delle deiezioni grazie a proteine L.I.P. altamente digeribili, un appropriato contenuto in fibre e fonti di glucidi di altissima qualità. Arricchito con acidi grassi omega3 (EPA e DHA) e ricco di nutrienti che contribuiscono alla salute della pelle e del mantello.

Sporting Life: per tutti i cani che praticano attività fisica più o meno intensa

sporting

Durante l’attività fisica l’organismo reagisce in modo diverso: la velocità del transito intestinale aumenta, le articolazioni sono soggette a forti e ripetute sollecitazioni e i muscoli sono utilizzati più intensamente. Ogni attività fisica implica uno sforzo specifico, che deve prevedere un supporto nutrizionale adeguato.

Le soluzioni della gamma Sporting Lifesono studiate per ottimizzare la performance di tutti i cani sportivi. Adattandosi alle diverse esigenze degli animali durante le loro attività, forniscono adeguati livelli di energia in base alla durata dello sforzo richiesto. L’alimento Sporting Life contribuisce al mantenimento delle buone condizioni fisiche del cane (articolazioni, muscoli, digestione) oltre a contrastare l’azione dai radicali liberi.

Sporting Life AGILITY 4100 con un alto contenuto di carboidrati (40%) fornisce energia di immediato utilizzo, in modo da massimizzare la performance nei cani sportivi che praticano attività intensa per brevi periodi di tempo (come Agility, Jumping, Flyball e Disc Dog). Disponibile per cani di taglia Small fino 10 kg (confezioni da 1.5 kg, 7.5 kg) e per cani di taglia Large da 11 kg (confezioni da 3 kg, 15 kg).

 

 

 

*La fase qualitativa, finalizzata a esplorare il target, è stata condotta ponendo 18 domande aperte a 32 proprietari di cani. Tutte le informazioni di ricerca emerse dalla qualitativa sono state pesate tramite una ricerca quantitativa su 301 proprietari di cani.

 

Altre letture consigliate

Angelo Vaira e il primo approccio con i cani

Redazione Quattro Zampe

A Natale adotta un cucciolo

Redazione Quattro Zampe

I montaggi d’autore di Giorgia Monni

Redazione Quattro Zampe