fbpx
martedì, 18 Giu 2019
Quattro Zampe
luoghi comuni cani
Cani Curiosità

I luoghi comuni sui cani: quanto c’è di vero in ciò che sappiamo

I luoghi comuni sui cani sono moltissimi. Proprietari di cani e non, abbiamo tutti dato adito a credenze comuni senza effettivamente esserci documentati. Ci sono leggende, addirittura, che vanno avanti da decenni senza essere mai smentite ufficialmente, oggi ne analizziamo qualcuna per capire quanto c’è di vero, o falso in ciò che crediamo di sapere sui nostri amici a quattro zampe.

Assolutamente falso

Ecco alcune tra le leggende false che girano sui cani.

“un anno del cane corrisponde a sette anni umani”

Questa affermazione non è esatta, in quanto, il conteggio degli anni canini dipende molto dalla razza e soprattutto dalla taglia. I cani grandi o giganti vivono meno dei cani di dimensioni piccole. In generale comunque, dal secondo anno, alla sua età, vanno aggiunti circa quattro anni ogni volta che Fido “spegne le candeline”.

“I cani si curano le ferite da soli, leccandosi

Sbagliato. Tentando di pulirsi le ferite rischiano, invece, di infettarsele con i batteri che si trovano nella bocca. I pelosi sono avvezzi a mangiare e assaggiare tutto quello che capita davanti al loro muso e capita spesso, che si lecchino i genitali. Quando li vediamo sfregare la lingua su una lesione, dunque, è meglio intervenire facendogli indossare il collare elisabettiano, o il nostro amico peloso rischierà di trasferire i microbi presenti sulla sua lingua, dritti nel sangue, provocandosi, da solo, infiammazioni e sepsi.

“I cani con il naso umido sono malati

Non è vero neanche questo.  I nostri amici a quattro zampe si inumidiscono da soli il naso e lo fanno per due ragioni:

  • Sentire meglio gli odori. L’umidità del tartufo (così viene chiamato il naso dei cani) favorisce il riconoscimento olfattivo, aiutando Fido a gestire lo spazio e a distinguere le sostanze buone da quelle nocive.
  • Mantenere la giusta temperatura. Non avendo un sistema di sudorazione efficace come quello umano, i cani gestiscono la temperatura corporea attraverso l’umidità del musetto.

“I cani si possono tranquillamente baciare sulla bocca”

Non ci pensare neanche. Le ragioni sono esattamente le stesse per cui un cane non dovrebbe leccarsi nemmeno da solo. Non è igienico farsi “sbaciucchiare” dal proprio cane sulla bocca, perché le infezioni che ci potrebbe trasmettere non sono poche.

Non del tutto falso, ma non vero

Ci sono teorie e storielle che girano, di tanto in tanto e creano delle certezze negli amanti dei cani che non sono del tutto accreditate. Possono sempre essere, comunque, spunto di ricerche o approfondimenti che le rendano certe, o che le sfatino una volta per tutte.

“I cani scodinzolano quando sono felici

Non necessariamente. Fido è in vena di giochi e ti dimostra felicità solo quando la coda è tenuta a mezza altezza, va avanti e indietro e il resto dei muscoli della sua faccia sono rilassati. Quando il cane muove la coda, ma la tiene dritta verso l’alto significa che sta difendendo il territorio, in altri casi esprime stress, in altri ancora, è incuriosito da qualcosa che attira la sua attenzione.

“I cani parlano”

C’è chi pensa sia vero, credendo alla storia del filosofo Leibniz, che afferma di aver conosciuto un cane in grado di pronunciare una trentina di parole. Se non parlano, ad ogni modo, riescono a comprendere almeno una cinquantina di parole con cui ci rivolgiamo a loro e addirittura, alcune razze, come il Border Collie e il Golder Retriever, ne riescono a capire più o meno duecentocinquanta.

“I cani non distinguono i colori”

Sì e no, nel senso che non sono in grado di vederli tutti, ma percepiscono all’incirca, le stesse tonalità dei daltonici. I cani vedono il blu e il viola e alcune gradazioni di grigio che per noi sono impercettibili.

“I cani fanno lo sguardo dell’amore”

Chi può dirlo, in fondo ogni persona che abbia un pelosetto in casa avrà notato almeno una volta quell’espressione dolce che fa sciogliere il cuore ed effettivamente alcuni cani assumono mimiche umane, se passano molto tempo con le persone, ma con molta probabilità, quella faccetta languida ci viene rivolta quando vogliono qualcosa da sgranocchiare.

“I cani sorridono”

Non si sa molto su questa credenza, pare che quella sorta di sorrisone che fanno in alcune circostanze, sia ricollegabile, più o meno, al nostro sorriso nervoso. L’espressione dei nostri amici a quattro zampe che ci fa capire il loro totale relax e benessere è quando hanno la bocca aperta e rilassata.

Verissimo

Di miti da sfatare ce ne siamo tolti un po’, vediamo, quindi, cosa sappiamo di vero sui nostri amati pelosi.

I cani soffrono per il fumo passivo

Già, proprio così, perciò smettete di fumare in sua presenza. I cani dal muso schiacciato sono vittime di tumore al polmone, mentre quelli con il muso lungo sono soggetti a tumori nasali.

“I cani riconoscono il diabete”

Esatto. Pare che siano in grado di fiutare un calo di zuccheri e, quando accade, iniziano a guaire e abbaiare per allarmare i presenti, in modo che possano intervenire in tempo. Alcuni cani sono addestrati proprio a sentire l’ipoglicemia, riuscendo, nel 90% dei casi, ad azzeccare la presenza del problema. Nei pazienti con problemi diabetici, infatti, insorge una patologia grave, la chetoacidosi, che dà all’alito un odore caratteristico che i quattro zampe sanno riconoscere.

Fai sempre molta attenzione a ciò che senti dire in giro, perché adottare un comportamento sbagliato con il proprio peloso, senza essersi informati a sufficienza prima, rischia di far insorgere problemi inutili.

Altre letture consigliate

I cani non sono peluche. Come scegliere il proprio cane.

Roberto Marchesini

Un nastro giallo per segnalare i cani “do not disturb”

Alessandro Macciò

Cagnolini veri usati come premi tra i peluche

Alessandro Macciò

Aggressioni di cani all’uomo, 70 mila casi all’anno

Alessandro Macciò

Canile di Spoleto, sette cucce realizzate dai detenuti

Alessandro Macciò

Roma, sì ai cani nelle spiagge (e a una Spa tutta per loro)

Alessandro Macciò