fbpx
martedì, 10 Dic 2019
Quattro Zampe
Curiosità

Pastore tedesco: il primo della classe

Nella Germania del tardo Ottocento la progressiva scomparsa delle greggi andava di pari passo con la diminuzione dei cani da pastore che custodivano il bestiame. Per salvaguardare il patrimonio cinofilo del cane da gregge di origine germanica alcuni grandi cinofili tedeschi intentarono la nascita di un cane dall’ineccepibile attitudine al lavoro, ma che potesse rendersi utile come cane da difesa, pur cercando di non tralasciare l’estetica.

Pastore tedesco: per tradizione

Sebbene non ci sia certezza assoluta sugli incroci che hanno dato vita al Pastore Tedesco, si suppone che discenda da alcuni cani da pastore presenti sul territorio germanico in quel periodo, come il Pastore della Turingia, il Pastore del Wüttemberg e il Pastore di Svevia. Max von Stephanitz fu uno dei cinofili responsabili della creazione della razza e ad una esposizione cinofila nel 1898 vide Hektor von Linksrhein, un cane dell’allevatore Sparwasser. Von Stephanitz si innamorò a prima vista di Hektor e lo acquistò senza pensarci due volte, poiché Hektor rappresentava l’ideale di Pastore Tedesco che aveva sempre immaginato.

Abile nel lavoro e intelligente

Lo sviluppo della razza prosegue ponendo come primo obiettivo l’intenzione di ottenere un cane abile nel lavoro e dalla spiccata intelligenza. Con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale si assistette a un ovvio declino della razza, ma dagli anni Cinquanta l’allevamento ripartì arrivando ad avere soggetti sempre più omogenei e dalle qualità sbalorditive, sia dal punto di vista estetico, che caratteriale, che attitudinale. È veramente bellissimo: possiede un’estetica senza orpelli inutili, ma semplice e funzionale, una testa ben proporzionata sostenuta da uno sguardo fiero, attento e curioso, un mantello spesso e molto folto che lo protegge dalle più rigide temperature e che cela un fisico atletico e imponente, ma non eccessivamente pesante.

Il Pastore Tedesco è un cane completo e poliedrico: ha un carattere vivace, è molto sicuro di sé e coraggioso, grande equilibrio mentale e nervi ben saldi, è un ottimo cane da guardia. Infatti è capace di valutare un’ipotetica situazione pericolosa e scegliere se reagire o no. Se ben addestrato, dimostra un autocontrollo eccellente.

Senza rivali per molto tempo

Dal punto di vista attitudinale il Pastore Tedesco fino a qualche anno fa non aveva rivali e anche oggi viene utilizzato per svariati compiti: nei corpi speciali dell’Arma, nelle Forze dell’Ordine, nella Protezione Civile, ma anche nel settore dell’assistenza sociale. Oggi il Pastore Tedesco da lavoro è esteticamente diverso da quello selezionato per le esposizioni e per la compagnia; un cane la cui selezione negli anni è stata volta a ottenere caratteri di ferro, intelligenza, coraggio, decisione e prontezza a seguire il conduttore in qualsiasi stimolo gli verrà fornito.

Necessità movimento

Questi cani hanno una forte esigenza di tenersi impegnati sia fisicamente che mentalmente, dunque è fondamentale rammentare che certe linee di sangue sono riservate solo a veri esperti cinofili. Le linee di sangue destinate alla compagnia e alle esposizioni sono sicuramente più semplici da gestire, adatte a persone e a famiglie che trovino sempre del tempo da dedicare al cane, soprattutto per ciò che concerne l’educazione e il moto quotidiano, che non deve mai mancare.

Il Pastore Tedesco darà enormi soddisfazioni sotto il piano educativo, sbalordisce subito nella ricettività di apprendimento e nella grande voglia di compiacere il padrone, ma affinché si possano godere e apprezzare le grandi capacità di questo cane è consigliabile affidarsi a un professionista.

Un legame profondo

È fondamentale che il cane si senta parte del nucleo familiare, che sia coinvolto e seguito nell’inserimento in famiglia e socializzato sin da cucciolo con altri simili. Sviluppa un profondo legame col padrone, reso unico dalla grande affinità che si creerà e non tanto dal contatto. La forza empatica del Pastore Tedesco è spiazzante e ci si accorgerà di aver raggiunto una grande sintonia col proprio cane quando basterà uno sguardo per capirsi.

Approfondimenti:

Leggi la scheda nostra scheda tecnica del Pastore Tedesco

Altre letture consigliate

I cani non possono entrare al museo, ma forse le cose cambieranno

Maria Paola Gianni

Il cane è maestro di vita

Roberto Marchesini

Passeggiare col cane ci rende felici

Ludovica Pierantoni

Come aiutare un cane pauroso con le persone

Angelo Vaira

Pet therapy con i bambini: sempre più utilizzata ed efficace

Redazione Quattro Zampe

Allenare le emozioni del cane: l’educazione a tavola

Angelo Vaira