fbpx
mercoledì, 22 Mag 2019
Quattro Zampe
Fare shopping con il cane
Curiosità

Fare shopping con il nostro cane: le regole di bon ton

Non usare il guinzaglio allungabile

Alcune persone potrebbero essere   infastidite dalla presenza del nostro cane. Onde evitare inutili discussioni, meglio non usare un guinzaglio allungabile e non fare avvicinare mai il cane a una persona estranea se non è questa a mostrarsi interessata a lui. È vero, è il cane che dovrebbe venire verso di noi e non il contrario, ma purtroppo in città alcune regole di bon ton vanno seguite anche se non sono poi così corrette dal punto di vista comportamentale. Se il cane è stato ben socializzato, accetterà le carezze di qualsiasi estraneo.

Bag o trolley per cani piccoli

Se pensiamo di fare molti acquisti e il nostro pet è di taglia piccola, meglio portarci una borsa o un trolley per cani. Se lui ci è abituato, non avrà problemi a starci. Il trolley rispetto alla bag è più comodo perché è come un passeggino, può esserci utile anche per appoggiarci le buste degli acquisti appena fatti. Inoltre, essendo provvista di diverse tasche, consente di poterci mettere tutto il necessario per il nostro cane.

Massima gentilezza

Scusiamoci se il nostro cane si è comportato in modo scorretto con qualche cliente o se ha preso qualche oggetto che non doveva.

Occhio ai camerini

Se siamo a provarci degli abiti, e nei camerini non c’è un gancio adatto per attaccare il guinzaglio del cane, chiedere al commesso di tenere il guinzaglio del nostro cane, oppure metterlo sotto il piede mentre ci proviamo i vestiti. Se il cane è abituato a stare fermo e a non muoversi, le cose si semplificano. Tuttavia a volte, in presenza di così tanti stimoli, se non siamo sicuri che il nostro cane risponda sempre al nostro comando, meglio non rischiare.

E se i cani sono due?

Possiamo usare il guinzaglio gemellare. Però tra i due cani ci deve essere molta armonia, altrimenti rischiamo una rissa. Immaginiamo di dover girare legati per diverse ore al nostro partner, forse dopo un paio di ore anche nelle migliori delle ipotesi qualche discussione insorgerebbe.

Come evitare pipì e popò indesiderate durante lo shopping

Basta portare il cane ogni ora, massimo due, fuori dal negozio o dal centro commerciale, così espleterà e non sarà tentato di… provarci. Altra cosa: facciamolo bere, dopo un po’ potrebbe aver sete, specie se stiamo fuori per ore.

Medaglietta al collare

Non basta il microchip. Mettiamo sempre al nostro cane anche una medaglietta al collare con il suo nome, il nostro cognome col numero del cellulare. In caso di smarrimento verremmo subito avvisati.

Un consiglio  per i commercianti

  • Quando entra un cane, avvicinarsi mostrando interesse nei suoi confronti, fargli qualche complimento e dargli uno o due snack, se il proprietario gradisce.
  • Non insistere troppo, magari il suo cane è malato o sta seguendo una dieta light e non vuole dirlo.
  • Cercare di essere sempre gentili e di comunicare il proprio amore per gli animali.
  • Nessuna falsità: se non si amano i cani, o gli animali in genere, è inutile fingere, Fido lo capirebbe subito. Se il cane verrà trattato bene, il cliente tornerà.

 

di Irene Cassi
foto di Corrado Bonomo

Altre letture consigliate

Cagnolini veri usati come premi tra i peluche

Alessandro Macciò

Aggressioni di cani all’uomo, 70 mila casi all’anno

Alessandro Macciò

Canile di Spoleto, sette cucce realizzate dai detenuti

Alessandro Macciò

Roma, sì ai cani nelle spiagge (e a una Spa tutta per loro)

Alessandro Macciò

L’ultima frontiera della lotta ai tumori: il fiuto dei Beagle

Alessandro Macciò

CORRI DOG, la camminata solidale riparte da Bergamo

Alessandro Macciò