fbpx
martedì, 18 Giu 2019
Quattro Zampe
Curiosità

Weimaraner, il fantasma grigio

Di primo acchito il Weimaraner sembra più un oggetto di design che non un simpatico e affettuoso fantasma grigio compagno dell’uomo: eppure bastano pochi minuti in sua compagnia per ricredersi e innamorarsi anche del suo carattere.

Con il suo portamento fiero, linee sinuose e asciutte, un mantello sofisticato, lo sguardo altero e un movimento allungato e soffice fanno del cane Weimaraner tra i più eleganti rappresentanti del panorama cinofilo.

Il Weimaraner è stato soprannominato “fantasma grigio” dai soldati americani durante la Seconda guerra mondiale per via del colore del suo mantello, ma anche del suo movimento silenzioso. E il suo successo nasce proprio grazie ai soldati americani che, affascinati da questo cane, ne portarono oltre oceano diversi esemplari salvando la razza da un inevitabile impoverimento, visto che pochi anni dopo la fine della guerra in Europa ne rimasero pochi esemplari e in Germania erano quasi scomparsi.

Il Weimaraner è un cane da caccia polivalente.

Nonostante, infatti, appartenga al gruppo dei cani da ferma, in realtà è un ottimo riportatore e un bravo tracciatore. La sua intelligenza addestrativa, la sua capacità di recepire in fretta un insegnamento, lo rendono un ottimo compagno e un eccellente aiuto in campo sociale. Nonostante la sua passione sconfinata per la caccia, in realtà, è stata la sua eleganza a introdurlo nei salotti, facendolo diventare tanto popolare in tutto il mondo. In America è una delle razze più popolari, sia come cane da compagnia, sia come cane da utilità: è, infatti, molto apprezzato dalla polizia ed è stato utilizzato anche nelle gare di obedience.

Il Weimaraner è facile da addestrare.

Il Weimaraner coltiva una certa volontà di ubbidire – quindi, di esaudire i desideri del padrone – ma le sue origini teutoniche non nascondono una certa durezza o, meglio definita, forza di carattere. Soprattutto con i maschi, quindi, è importante una certa fermezza. Questo grande cane è stato la musa ispiratrice di un grandissimo fotografo, William Wegman, che lo ha ritratto in ogni posa e in ogni veste. In effetti, il Weimaraner ha una bellezza fuori dal comune che invita alla “rivisitazione”. È un cane intrigante, e non solo nel colore del mantello o nello sguardo magnetico. Ha forme tanto sinuose da renderlo silenzioso quando si muove, per questo, nonostante la mole importante, è un cane che ben si adatta alla vita in appartamento. Sensibile, giocherellone e paziente con i bambini, capace di valutare istintivamente la situazione, il Weimaraner è un cane che si è guadagnato il suo posto accanto all’uomo.

Eleganza dei movimenti. Del cane Weimaraner colpiscono la dolcezza del carattere e l’eleganza dei movimenti. Ma anche il fatto che, non essendo largamente diffuso, molti si sorprendono di non averne mai visti prima.

Guardiano della casa e delle proprietà, vigila sul focolare o si guadagna la giornata accanto all’uomo a caccia, per essere poi un’affettuosa compagnia la sera tra le mura domestiche. Ha uno spiccato attaccamento all’uomo, per cui mal sopporta l’esclusione dalla vita della famiglia con cui vive, mentre sa adattarsi alle varie situazioni, purché gli vengano concessi i suoi spazi e un minimo di libertà per qualche bella corsa in campagna. È un cane dinamico, che ha un’indole talmente riservata e discreta da non risultare mai invadente o impegnativo. Certo, il suo padrone ideale deve apprezzare tanto le comodità quanto lo sport e avere un carattere altrettanto determinato per non farsi piegare dal grande carisma che questo fantasma grigio riesce a esercitare.

Il Weimaraner ha un carattere passionale col padrone.

Weimaraner, il cane dei vip

Il mantello del Weimaraner è denominato grigio. Tuttavia, in passato alcuni studiosi hanno dimostrato che in realtà il colore del Weimaraner è il beige, poiché il colore tipico della razza deriva dallo schiarimento del marrone, infatti, il tartufo e le unghie sono di color carnicino, mentre se si fosse trattato dello sbiadire di un mantello nero, tartufo e unghie sarebbero stati colore ardesia. Negli anni ’50 il Weimaraner è stato considerato un cane per vip, avendo avuto padroni del calibro di Grace Kelly, Roy Rogers, David Eisenhower, Franco Zeffirelli e il fotografo William Wegman che ha fatto dei Weimaraner i soggetti principali della sua arte.

Il Weimaraner è un fantasma grigio dallo sguardo magnetico.

Il cane Weimaraner è molto intelligente, equilibrato e versatile

In Italia alcuni soggetti sono usati con successo in pet therapy e in Croce Rossa. Negli Stati Uniti, dove è largamente diffuso, è impiegato anche dalla Polizia per il controllo del territorio e come cane antidroga, a conferma della poliedricità del suo carattere. Ama lavorare o fare qualsiasi altra cosa, purché svolta col riferimento umano. È un cane completo, versatile e polivalente, che difende energicamente il territorio dove vive senza mai essere troppo aggressivo verso l’uomo.

Regala soddisfazioni profonde

Il punto di forza del Weimaraner è il suo carattere passionale che lo induce a sviluppare un rapporto morboso, unico e imprescindibile con il padrone. È, inoltre, un cane di spiccata sensibilità e intelligenza, col quale si entra in sintonia quasi perfetta. Regala soddisfazioni ed emozioni profonde per l’estrema attenzione che presta verso le esigenze del nucleo familiare all’interno del quale convive.

IO LO CONOSCO BENE…

Marta Cavalieri ha due femmine di Weimaraner: Rosette, di 2 anni e Renault, di 7 mesi di età.

Come mai ha voluto il Weimaraner?

La scelta è stata casuale. Sul libro di mia figlia c’era la foto di un Weimaraner, la razza ci ha incuriositi, così abbiamo cercato l’allevamento più vicino, siamo andati a vedere questi cani, ci sono piaciuti subito e abbiamo deciso per questa razza.

Cosa l’ha colpita maggiormente?

La loro armoniosità ed eleganza, oltre all’incredibile colore.

Due femmine: scelta mirata o casuale?

Devo dire che la scelta a favore delle due femmine è stata mirata. In realtà, la prima arrivata, Rosette, non è stata proprio scelta, ma ci è toccata in base all’ordine di prenotazione; al momento non avevamo preferenze tra maschio e femmina. La seconda, invece, l’abbiamo voluta femmina per evitare i problemi che ci sarebbero state, inevitabilmente, con un maschio durante i calori.

Caratterialmente il Weimaraner è un cane per tutta la famiglia o si affeziona al suo padrone?

Come tutti i cani, riconosce l’autorità del capobranco in colui che gli dà da mangiare, che lo porta in giro e che lo fa lavorare. Ma riconosce come “parenti” tutti i membri della famiglia e tutte le persone che abitualmente frequentano la casa. È un cane capace di essere un componente effettivo della famiglia: mangia quando mangia la famiglia, dorme quando tutti vanno a dormire e si arrabbia moltissimo se si esce senza di lui.

Il Weimaraner può vivere in appartamento?

Si adatta bene a tutte le situazioni. E ha il divano nel Dna. In casa ha bisogno del contatto fisico con qualcuno (padrone o famigliare), ma non bisogna mai dimenticare che è un cane da caccia e, come tale, il suo istinto lo porta a cercare. E qualcosa la trova sempre: se non c’è selvaggina, trova scarpe, capi di abbigliamento, etc…

Cosa consiglia a chi volesse prenderne uno?

Di prepararsi a un rapporto molto intenso, è un cane che necessita di essere sempre considerato: non accetta di essere messo in un angolo, a cuccia. Nella cuccia ci va molto volentieri, però, se può mettere il suo muso sulla tua pancia.

#weimaraner – Testimonianze dal web…

Meraviglia della natura. Ho cercato e voluto questa razza dopo essermene innamorata leggendo proprio un vostro servizo sul cane del mese. E devo ringraziarvi, perché mai scelta fu più saggia. La loro intelligenza e il loro amore mi lasciano senza parole.

Stefania Olimpia, Roma

Fumo, il mio Weimaraner, è furbo come una volpe, appena mi distraggo, mi ruba il pane riposto in cucina. È veloce come un fulmine e io lo amo da morire, mi riempie la vita di gioia!

Simona Centra, Roma

Approfondimenti:
Leggi la scheda della razza canina Weimaraner

Altre letture consigliate

I cani non sono peluche. Come scegliere il proprio cane.

Roberto Marchesini

Un nastro giallo per segnalare i cani “do not disturb”

Alessandro Macciò

Cagnolini veri usati come premi tra i peluche

Alessandro Macciò

Aggressioni di cani all’uomo, 70 mila casi all’anno

Alessandro Macciò

Canile di Spoleto, sette cucce realizzate dai detenuti

Alessandro Macciò

Roma, sì ai cani nelle spiagge (e a una Spa tutta per loro)

Alessandro Macciò