fbpx
giovedì, 21 Mar 2019
Quattro Zampe
ospedali-aperti-ai-pet
Attualità Cani

Appello AIDAA: a Natale ospedali aperti agli animali

A Natale, case di cura, case di riposo ed ospedali aperti agli animali in visita ai loro padroni ricoverati: ecco l’appello dell’AIDAA.

L’AIDAA (Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente) ha lanciato un appello al ministro della sanità Lorenzin, agli assessori regionali alla salute  e a tutti i direttori generali degli ospedali italiani, in particolare quelli pediatrici,  affinché in occasione delle festività di Natale, si abbiano ospedali aperti agli animali, così da  permettere a tutti i pazienti che lo richiedono di poter ricevere la visita dei loro pet (cani, gatti, ma anche coniglietti ed altri piccoli animali domestici).

“Sappiamo – scrive il presidente di AIDAA Lorenzo Croce in una nota indirizzata al ministro Lorenzin – che non è semplice fare accedere i cani e gatti, cosi come gli altri animali domestici negli ospedali, o perlomeno in alcuni reparti degli ospedali che devono rimanere sterili quali la chirurgia o la rianimazione per citarne due. Ma credo sia possibile costruire degli spazi appositi all’interno degli ospedali, ed in particolare degli ospedali pediatrici perchè i pazienti che dovranno rimanere ricoverati possano previo ovvio consenso medico ricevere la visita dei loro amici pelosi. Ovviamente – conclude Croce – questo aiuterebbe le migliaia di pazienti ricoverati che possiedono ed amano i loro amici a quattro zampe, chiediamo che gli animali non entrino direttamente in reparto se non i caso in cui il paziente si allettato, ma che si realizzino degli spazi appositi di incontri nelle sale pubbliche degli ospedali. Sarebbe davvero bello vedere almeno a Natale spuntare un sorriso di felicità sul viso dei pazienti che amano i loro amici a quattro zampe”.

Fonte AIDAA

Altre letture consigliate

La palazzina crolla, ma il cane eroe abbaia e salva tutti

Alessandro Macciò

Si erano smarriti: lupi cecoslovacchi uccisi a fucilate

Alessandro Macciò

Pedro, il cane abbandonato due volte e adottato dalla Croce Rossa

Alessandro Macciò