mercoledì, 29 Gen 2020
Quattro Zampe
adozione cane
Cani

Qual è la procedura per l’adozione di un cane?

Adottare un cane dal canile, oltre ad essere un gesto nobile, è senz’altro una decisione importante che richiede coerenza e coraggio. Come l’adozione di un figlio, infatti, anche quella di un quattro zampe è per la vita, comportando l’assunzione di oneri morali ed economici, nonché di un impegno duraturo e costante.

Rivolgersi a un canile anziché acquistare l’animale in negozio, offre la possibilità a tanti meticci trovatelli, di trovare una casa e dei padroni affettuosi ai quali rivolgere tutta la propria gratitudine. Il concetto di fondo è che se si desidera realmente un cane, non è necessario che sia di razza.

La normativa

La normativa vigente stabilisce che l’adottante deve compilare un modulo per la custodia del peloso, con il quale s’impegna a garantirgli tutte le cure necessarie e a non abbandonarlo mai.

Questo implicherà un’organizzazione che contempli la presenza di Fido nella vita di tutti i giorni, e ovviamente nei momenti di svago.

La legge non fa invece alcun riferimento alla dimensione e alla tipologia di abitazione in cui il cucciolo sarà ospitato. La ragione è semplice: se confrontato con la gabbia di un canile, anche un monolocale potrà sembrare una reggia. Sarà l’amore profuso a fare la differenza.

Conoscersi a vicenda

Nella scelta di un amico a quattro zampe, tra le cose più importanti da valutare, più che il fattore estetico, c’è sicuramente il carattere. Dopo aver scelto approssimativamente taglia ed età, quindi, sarà bene interagire con lui, facendolo uscire dalla gabbia e osservandone il grado di vivacità.

Prima di ospitarlo definitivamente in casa, infatti, sarebbe importante sviluppare un rapporto e prendere confidenza con il peloso, recandosi periodicamente al canile e informandosi sul suo passato.

I primi giorni a casa

I primi giorni in un contesto diverso sono i più difficili per un animale adottato. Fai in modo che, appena entrato in casa, il cane possa sentirsi a proprio agio. Dedica a lui un angolo del tuo appartamento, preparandogli ciotole, coperta ed eventualmente qualche giocattolino. Ti accorgerai che gradualmente si abituerà al nuovo ambiente e cercherà in ogni modo di compiacerti, anche per non correre il rischio di tornare al canile.

Altre letture consigliate

La palazzina crolla, ma il cane eroe abbaia e salva tutti

Alessandro Macciò

Si erano smarriti: lupi cecoslovacchi uccisi a fucilate

Alessandro Macciò

Pedro, il cane abbandonato due volte e adottato dalla Croce Rossa

Alessandro Macciò

La fidanzata non vuole cani, Sam e Cosmo salvati dall’eutanasia

Alessandro Macciò

Welsh Corgi Pembroke, il cane della Regina

Sofia Golden

La Giornata Mondiale del Cane: tre modi di festeggiare.

Claudia Ferronato