fbpx
martedì, 18 Dic 2018
Quattro Zampe
Primo Piano Salute e benessere

Musica per cani: il reggae è il loro genere preferito.

Sarà capitato anche a voi, quando un brano non vi piace, di pensare che si tratta di “musica da cani”. In realtà la musica da cani, anzi meglio, la musica per cani esiste davvero, ma non è una novità.

La musica reggae è diffusa da tempo ed è scaricata e venduta in milioni di copie in tutto il mondo.

Il prossimo Natale, uscirà una compilation pensata per tenere più tranquilli gli animali da compagnia, durante botti e fuochi d’artificio.

Ciò che però non si sapeva ancora è che, dal recente studio condotto dalla Scottish SPCA  (associazione benefica che accoglie randagi e cerca adozioni in Scozia), il reggae è la musica per cani ideale per aiutare i cani stressati.

Dapprima si pensava che la musica per cani migliore fosse la musica classica.

Questa convinzione era supportata dalle ricerche condotte da Deborah L. Wells, esperta del comportamento animale della Queen’s University di Belfast. Secondo i suoi studi, i cuccioli provano piacere nell’ascoltare determinati tipi di melodie, soprattutto la musica classica che ha il potere di calmarli e renderli molto rilassati.

Non solo reggae, funziona anche il soft rock.

La ricerca scozzese, oggi, ribatte che se, dapprima, la musica classica ha un effetto calmante sui cani, dopo pochi giorni questo risultato svanisce e lascia spazio alla noia. Al contrario, il reggae e il soft rock appaiono come i generi più appropriati per ridurre lo stress, l’abbaiare esagerato e regolare il battito cardiaco, specialmente in determinate situazioni, come durante gli spettacoli pirotecnici.

Gilly Mendes Ferreira, che ha guidato la ricerca per la SPCA, ha dato una motivazione molto chiara: questi particolari sound possiedono un ritmo simile alla frequenza cardiaca dei cani. Basta notare i cuccioli che, di fronte a situazioni particolarmente stressanti, si accoccolano vicino alla mamma e traggono enorme beneficio dalla sua frequenza cardiaca che, in loro, sortisce un effetto rassicurante.

Reggae e soft rock funzionano perché hanno un ritmo simile al battito del cuore della loro mamma.

E, nei cani, questo tipo di esperienze piacevoli viene ricordato e ricercato durante tutta la vita.

Non è ancora tutto. Lo scorso anno SPCA ha collaborato con il celeberrimo chitarrista e produttore John McLaughlin ed è nato un album in cui testi e musica sono stati realizzati appositamente per i cani. Un progetto di successo, pensato per raccogliere fondi.

Oggi la stessa associazione benefica rilancia e diffonde un innovativo CD a base di tracce sonore rilassanti.

Si intitola “Paw. Play. Relax.” (Zampa. Gioco. Relax.) ed è nato in collaborazione con l’Università di Glasgow.

Il progetto sonoro ha questi tre obiettivi:

  • agire sul comportamento del cane
  • combattere la tensione
  • abbassare gli ormoni dello stress

Il progetto Relax My Dog

Un’idea simile ha stimolato i creatori di Relax My Dog, un esperimento che, dopo 6 anni di ricerche, è diventato realtà. Si tratta di un sito internet che propone, a pagamento, una vasta gamma di soluzioni audio e video per aiutare i cani a superare ansia da abbandono, stress, noia e iperattività.

Ricardo Henriquez stava cercando un modo per calmare il suo cane, Zuki, che soffriva moltissimo di ansia, a causa delle frequenti incursioni armate nel quartiere in cui abitavano, in Salvador. Così, insieme ad Amman Ahmed, ha sperimentato vari sound e creato composizioni ideali per calmare i cani, a iniziare dal suo. Brani che, oggi, vengono ascoltati dai quattro zampe di tutto il mondo.

Info:

L’associazione SPCA

Il progetto Relax My Dog

Approfondimenti:

Cibo fresco per i nostri cani a Milano con Dog’s Bistrot: menu per cani a domicilio

Storie virali. Princess, si finge randagio per scroccare hamburger del McDrive

Se ti chiedi cosa fa il tuo cane quando sei fuori casa, leggi Il cane ha la percezione del tempo o fiuta il tempo?

Altre letture consigliate

Nutrix Più Mini per cani di piccola taglia

Prevenzione: obiettivo leishmaniosi

Redazione Quattro Zampe

La prostata, acciacco dell’età

Redazione Quattro Zampe