fbpx
lunedì, 18 Nov 2019
Quattro Zampe
San Bernardo
Cani Curiosità

San Bernardo: eroico cucciolone

Il San Bernardo è a pelo sia lungo che corto. Fiero, potente e armonioso, ha corpo muscoloso e arti robusti.

Sembra un cane molto pigro, ma terrà sempre un occhio aperto per proteggere la sua proprietà e la sua famiglia con cui ama vivere, Ma ha anche bisogno di molto spazio a sua disposizione.

Il grande Barry I

Il leggendario Barry I è forse il cane più importante e rilevante per la razza San Bernardo, visse all’Ospizio dal 1800 al 1812, durante questi anni prestò onorato servizio al rifugio compiendo più di quaranta salvataggi.

Dal 1812 Barry andò in pensione e venne accompagnato da uno dei canonici a Berna, dove trascorse gli ultimi anni di vita in totale serenità e assistito con amorevoli cure, morì di vecchiaia due anni dopo e il suo corpo venne esposto al Museo di Storia Naturale di Berna.

La saga di “Beethoven”San Bernardo

È una saga di otto film di genere commedia per famiglie, il primo capitolo è uscito sul grande schermo nel 1992 e ha come protagonista un bellissimo Cane di San Bernardo di nome Beethoven che irrompe rocambolescamente nella vita di una famiglia americana, sconvolgendone l’esistenza.

Le risate e i lieti fini sono assicurati. Il vero nome del protagonista canino è Chris ed è stato addestrato da Karl Miller, uno dei miglior dog trainer al mondo.

Gestione e necessità

Le caratteristiche tipiche del San Bernardo sono riscontrabili solo in cani ben allevati, di sicura provenienza e selezionati da allevatori esperti.

È una razza particolare e data l’immensa stazza potrebbero insorgere delle problematiche legate alla salute, perciò occorre rivolgersi a un allevatore veramente competente. Inoltre, è fondamentale che i riproduttori siano testati per le patologie più comuni alla razza, come la displasia dell’anca.

Il dolcissimo carattere, il grande equilibrio mentale e l’incrollabile pazienza sono caratteristiche che rendono il San Bernardo perfetto per le famiglie, ma è giusto ricordare che occorre un certo impegno nella San Bernardogestione del cane.

Il cucciolo non deve compiere sforzi o subire traumi allo scheletro, per evitare la pericolosa torsione gastrica occorre suddividere la razione giornaliera in più pasti ed evitare che il cane faccia attività fisica dopo aver mangiato, è importante non eccedere con il cibo evitando così di appesantire ulteriormente lo scheletro del San Bernardo.

Per una convivenza serena è opportuno dedicare tempo alla socializzazione del cane e all’educazione di base, oltre che alla toelettatura: una generosa spazzolata a settimana, una bella pulita a occhi e orecchie basta e avanza.

Identikit

RAZZA Cane di San Bernardo

ORIGINE Svizzera

IMPIEGO Cane da guardia e di accompagnamento, inoltre è un ottimo cane da compagnia TAGLIA dai 70 ai 90 cm i maschi, le femmine dai 65 ai 80 cm

PESO i maschi vanno dai 70 ai 90 kg, le femmine dai 55 ai 70 kg

COLORE il bianco è il colore di base al quale vengono aggiunte delle macchie color marrone rossiccio posizionate sul dorso e sui fianchi. Le macchie possono avere anche una trama tigrata e possono essere anche marrone dorato.

Caratteristiche

  • TESTA: grande e maestosa, con stop ben marcato
  • TARTUFO: ampio e nero, con narici ben aperte
  • OCCHI: la tonalità varia dal marrone scuro al nocciola, lo sguardo e l’espressione è dolce e serena
  • COLLO: potente e robusto, con presenza di pelle lassa e giogaia sulla gola
  • ORECCHIE: inserite alte, di tessitura morbida
  • LINEA SUPERIORE DEL TRONCO: il garrese è ben marcato e il dorso è largo, la linea dorsale prosegue orizzontalmente fino alla groppa che è lievemente cadente
  • MANTELLO: il sottopelo è abbondante, il pelo di copertura è fitto
  • ZAMPE POSTERIORI: parallele e sostenute da muscoli sviluppati
  • ZAMPE ANTERIORI: dritte e parallele, forti e robuste
  • CODA: la base è grossa e robusta, a riposo viene portata cadente, mentre quando il cane è in azione viene portata alta

San Bernardo

Peculiarità

Aspetto generale Le varietà sono due, a pelo lungo e a pelo corto, ma entrambe sono di grande mole, esprime prorompente fierezza e potenza. Gli arti sono robusti e quelli posteriori manda- no una notevole spinta nel trotto. Il corpo è molto muscoloso, ma armonioso nell’insieme.

Carattere Dolce, equilibrato e gentile, dalla forte personalità ma generalmente tranquillo, anche se ha un atteggiamento attento verso tutto ciò che lo circonda. È molto paziente, per questo può sviluppare un fantastico rapporto con i bambini.

Cure È fondamentale offrire al San Ber- nardo una dieta bilanciata e completa, inoltre è opportuno provvedere al taglio delle unghie, alla pulizia delle orecchie, degli occhi e alla spazzolatura del pelo, che deve essere eseguita almeno una volta a settimana.

Salute La gigantesca mole di questo molossoide impone qualche accortezza nella gestione, soprattutto nella somministrazione del pasto che deve essere suddiviso in tre parti, così da evitare la torsione gastrica. Le patologie più comuni sono la sindrome di Wobbler, la displasia di anca, gomito e l’ectropion.

Sport Lunghe passeggiate, anche se pre- dilige quelle in un ambiente montano. Fondamentale non sollecitare troppo le scheletro in giovane età con sforzi eccessivi o salti.

Vuoi saperne di più sul San Bernardo?

Abbiamo dedicato a questo tema un ampio articolo pubblicato sul numero di dicembre del nostro giornale. Se te lo sei perso, puoi recuperarlo scaricando la App e leggendolo sul giornale digitale, basta andare a questo collegamento.

 

 

 

A cura di Giulia Settimo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altre letture consigliate

Passeggiare col cane ci rende felici

Ludovica Pierantoni

Come aiutare un cane pauroso con le persone

Angelo Vaira

Pet therapy con i bambini: sempre più utilizzata ed efficace

Redazione Quattro Zampe

Allenare le emozioni del cane: l’educazione a tavola

Angelo Vaira

Il cane fa la pipì in casa? Ecco perchè

Angelo Vaira

Zuffa tra cani: cosa dice la legge

Claudia Taccani