fbpx
giovedì, 27 Giu 2019
Quattro Zampe
Cani

Si erano smarriti: lupi cecoslovacchi uccisi a fucilate

Hanno cercato la loro coppia di lupi cecoslovacchi senza immaginare che qualcuno potesse averli uccisi a fucilate. Invece, poche ore dopo la scomparsa, Alessandro e Giulia hanno trovato i cadaveri di Moon e Shadow nel fiume dietro casa.

E non hanno potuto fare a meno di notare i fori di proiettile sulla loro pelle.

È successo a Fontevivo (Parma) e l’unica consolazione è che i carabinieri hanno già rintracciato l’assassino dei due lupi cecoslovacchi, un 67enne della zona.

La fuga dei lupi cecoslovacchi e la ricerca dei padroni

Moon e Shadow, femmina e maschio di 15 e 12 mesi, erano due lupi cecoslovacchi provenienti dall’allevamento “Il campo ranch” di Lido di Camaiore (Lucca). Tutto è iniziato quando i due lupi cecoslovacchi sono scappati dal loro giardino. Alessandro, il padrone che in quel momento era a casa, se n’è accorto quasi subito e ha lanciato l’allarme, battendo a tappeto il circondario. La ricerca di Moon e Shadow è durata poco. E purtroppo non ha dato l’esito sperato.

Il ritrovamento nel fiume dei corpi dei lupi e i fori di proiettile

I due lupi cecoslovacchi, infatti, giacevano privi di vita nel fiume Recchio, non lontano dalla casa di Alessandro e della sua compagna Giulia. I loro corpi avevano tre fori compatibili con quelli delle armi da fuoco: uno nella schiena per Shadow, uno al collo e uno alla schiena per Moon. Come se qualcuno li avesse colpiti alle spalle, mentre cercavano di scappare. È per questo che i proprietari dei lupi cecoslovacchi hanno denunciato l’episodio. E le indagini dei carabinieri hanno consentito di fare luce nel giro di poche ore, svelando una verità terribile.

La confessione dell’uomo che ha sparato e ucciso i due lupi

A uccidere i due lupi cecoslovacchi infatti è stato un 67enne della zona, incastrato da diversi indizi e testimonianze. L’uomo ha detto di aver sparato perché Moon e Shadow erano entrati nel suo podere e lo avevano spaventato. Dopo aver fatto fuoco, l’anziano avrebbe caricato in auto i due lupi cecoslovacchi privi di vita e avrebbe gettato nel fiume i loro corpi. Denunciato per uccisione di animali domestici altrui, l’uomo rischia una pena da 4 mesi a 2 anni e si è visto anche sequestrare il fucile (detenuto regolarmente).

Ora i padroni e l’allevatrice dei due lupi cecoslovacchi uccisi a fucilate chiedono giustizia.

Nessuno nega la disattenzione all’origine della sciagura, propiziata da una “falla” nella sorveglianza di Moon e Shadow. Ma c’erano sicuramente molte altre soluzioni per risolvere la faccenda.

Approfondimenti: 

Quello di Moon e Shadow, purtroppo, non è un caso isolato. Leggi anche “C’è un pitbull per strada”: vigile spara e uccide Tequila

Oltre alle persone che imbracciano il fucile, ci sono quelle che abbandonano bocconi avvelenati. Leggi Pimpi, la cagnolina di Susanna Tamaro avvelenata da un boccone

Altre letture consigliate

La palazzina crolla, ma il cane eroe abbaia e salva tutti

Alessandro Macciò

Pedro, il cane abbandonato due volte e adottato dalla Croce Rossa

Alessandro Macciò

La fidanzata non vuole cani, Sam e Cosmo salvati dall’eutanasia

Alessandro Macciò

Welsh Corgi Pembroke, il cane della Regina

Sofia Golden

La Giornata Mondiale del Cane: tre modi di festeggiare.

Claudia Ferronato

La Lav a Lampedusa per salvare i cani

Maria Paola Gianni