fbpx
venerdì, 18 Ott 2019
Quattro Zampe
Comportamento

CIRO MORDE TUTTO!!!!

Salve, mi chiamo Viviana e ho un piccolo problema con i miei pantaloni che non riescono a durare meno di 5 minuti…..perché vengono stracciati a morsi dal mio cane…. si tratta di un tesoro piccolo piccolo che si chiama Ciro il bassottino….è terribile la mattina non mi dà nemmeno il tempo di fare colazione che si attacca ai pantaloni e morde stracciando tutto, compreso i cuscini del salotto e le pantofole che furbamente le nasconde e se le rosicchia!!! Ora mi rivolgo a lei per un consiglio su come mi devo comportare…(ps.non posso buttare tutto un guardaroba!)

GRAZIE TANTE

BYE BYE DA ME E DAL MIO ROSICCHIATORE CIRO!!!!

Viviana Venditti

Cara Viviana, molto spesso i nostri cani per avere la nostra attenzione farebbero di tutto. Quindi, ti consiglio di essere indifferente e di acquistare presso una farmacia veterinaria il DAP collier, un prodotto a base di feromoni privo di controindicazioni e anallergico, consigliato anche in casi di distruzione di oggetti e altro. Mi raccomando, non sgridarlo o picchiarlo. Sembrerà strano ma, a volte, i cani che hanno un gran bisogno di attenzione e affetto da parte del proprietario, anche se ricevono una "sculacciata", ne sono felici e rinforzano il loro comportamento sbagliato: ecco perché bisogna essere indifferenti. Ti suggerisco, quindi, quando inizia ad avvicinarsi ai tuoi pantaloni, di allontanarti e dargli le spalle. Inoltre, per avere un maggior controllo sul pet, insegnagli il comando "seduto" rinforzandolo con dei bocconcini appetitosi. Infine, leggi attentamente due miei articoli pubblicati su www.enpa.it riguardanti, rispettivamente, l’inibizione del morso e il comando "seduto" che ti allego.

Per qualsiasi altra informazione o dubbio, non esitare a ricontattarmi.

A presto

SEGUE ARTICOLO DI COSTANZA DE PALMA

Il vostro cane morde ed è perennemente irrequieto? Insegniamo l’inibizione del morso e degli autocontrolli

Quando il nostro amico a quattrozampe inizia ad avere atteggiamenti un po’ troppo energici, dobbiamo spiegargli come comportarsi in "società". Il modo corretto è quello di seguire i naturali insegnamenti materni. Infatti, solo riproducendo l’insegnamento materno otterremo la correzione del comportamento esuberante del cucciolo. Quindi, quando il cucciolo si innervosisce, ovvero quando la sua attività diventa disordinata e senza finalità, bisogna tenerlo fermo, ottenere uno o due secondi di calma e poi lasciarlo andare. Sul piano pratico c’è, però, una doppia difficoltà: la prima è riuscire a distinguere il momento preciso in cui il cucciolo entra in eccitazione; la seconda è che non bisogna innervosirsi con il piccolo, perché questa interruzione del gioco deve essere fatta con calma e senza rimproveri.

È preferibile intervenire in silenzio e senza guardare il cucciolo. Mentre se i cuccioli giocano in modo rissoso, è probabile che possono farsi male tra loro con i loro dentini aguzzi e strillare. Se questi rumori aumentano d’intensità, la madre interviene per separare i due litiganti e spesso interrompe il gioco al fine di far imparare velocemente a controllarsi. Perciò, quando voi giocate con i vostri cuccioli e i mordicchiamenti fanno male, dovete dire "ahi" e se l’attività non verrà moderata, interrompete il gioco. Ma è possibile anche insegnarlo invertendo i ruoli, dando un pizzicotto (non troppo forte!) sul labbro del piccolo (l’equivalente del morso tra i fratellini), facendolo gridare e lasciarlo immediatamente dopo. Tutto ciò per imparare che il grido ha un significato di protezione e diventa un segnale d’arresto. Ma è importante anche che il cucciolo impari a fermarsi e ad osservare un periodo di riposo tra due attività ed il miglior modo per realizzare questo è il "riporto dell’oggetto".

Questo esercizio contiene una precisa sequenza comportamentale costituita da tre fasi "ricerca – riporto- cessione". Molto spesso, però, il cucciolo tende a non voler lasciare l’oggetto e bisogna riuscire a farglielo fare spontaneamente, disinteressandosi del cane in modo da far calare l’eccitazione. Quindi, è importante per ottenere ciò, rimanere in silenzio e solo quando l’oggetto verrà lasciato, si riprenderà il gioco.

Il comando "seduto"

Ricordando ciò che è stato spiegato sul riflesso condizionato di secondo tipo, utilizzato dal cane per imparare a distinguere i comandi, possiamo insegnare al nostro cane il comando "seduto". La parola "seduto" accompagnata da un bocconcino tenuto sopra la testa del cane presto lo solleciterà a sedersi alla sola parola: normalmente, durante i primi tentativi, il cane tenderà a saltare per prendere il bocconcino, però, mediante il ripetersi di prove e di errori, le risposte non premiate verranno inibite e quindi il cane assocerà la parola "seduto" ad una sua precisa postura. Una modalità più efficace e duratura sarebbe quella di tenere soltanto la mano sopra la testa del cane quando si dice "seduto" e poi di usare la stessa mano per accarezzarlo sul collo e sul petto quando ha obbedito. Infatti la ricompensa sociale è sempre un’ottima soluzione ed è molto gratificante per il cane.
____________________________________________________

Altre letture consigliate

Come aiutare un cane pauroso con le persone

Angelo Vaira

Io con lui ci sto bene! 8 regole per una perfetta convivenza tra cane e bambino

Angelo Vaira

A scuola con Fido: l’educazione del cane

Valentina Maggio

Come far guarire il tuo cane da ansie e paure

Gioco, palestra di vita per gli animali domestici

Valentina Maggio

In vacanza con il cane: i consigli per evitare i disagi

Claudia Ferronato