lunedì, 27 Gen 2020
Quattro Zampe
Comportamento Primo Piano

La verità sui cani aggressivi

L’aggressività nei cani è forse l’argomento più discusso e più temuto nel mondo della cinofilia. Certamente è un tema molto importante che coinvolge non solo loro, ma molto spesso anche noi esseri umani, in particolare i più piccoli e indifesi. Si tratta, però, anche di un argomento pieno di falsi miti e credenze popolari. In questo articolo vi spiegherò cos’è l’aggressività, come s’interpreta, quali sono gli errori che portano alla sua manifestazione e come si evita. Naturalmente, e come sempre, vi darò delucidazioni basate e supportate dalla scienza che – a differenza dei miti e delle favole popolari – si evince dai fatti, che non mentono mai.

COS’È L’AGGRESSIVITÀ?

In genere un cane aggressivo è definito come un cane cattivo o dominante che ha un’intenzione aggressiva verso esseri umani o conspecifici.

Quando mi chiedono: “questo cane è aggressivo?”, la mia risposta è sempre: “se non c’è ragione, no”.

Il comportamento aggressivo è semplicemente la promessa che se il disagio continuerà a permanere in quel soggetto, lo stesso provocherà gravi lesioni. L’aggressività ha molte sfaccettature e si manifesta in vari modi. Il cane che ringhia vuole fare capire che non si sente bene in quel momento, ma in un’altra situazione può essere il più tranquillo e coccoloso del mondo.

Si tratta, quindi, non di aggressività in quanto tale, bensì di un comportamento aggressivo. Mi spiego meglio: l’aggressività viene spesso usata per descrivere un carattere, come per dire, ad esempio, “il cane è aggressivo”. Invece l’aggressività è la descrizione di un comportamento specifico e, quindi, non esiste il cane aggressivo per definizione, bensì solo il comportamento aggressivo in una determinata situazione.

TANTI TIPI DI COMPORTAMENTI AGGRESSIVI

I cani mostrano comportamenti aggressivi per tante ragioni: aggressione di dominanza, aggressione per paura, aggressione predatoria, aggressione di protezione, aggressione causata dal dolore, aggressione possessiva, aggressione provocata da una punizione e aggressione intraspecifica. Se ci pensiamo bene, anche noi esseri umani abbiamo tante ragioni per mostrare aggressività in simili situazioni.

Nessun cane è aggressivo per divertimento.

Per quanto riguarda l’essere umano, invece, non ne sarei tanto sicuro!

QUANDO RINGHIA, VA BENE!

Se esaminiamo il comportamento del cane quando mostra aggressività vediamo che normalmente percorre la cosiddetta scala di avvertimento. Immaginatevi, quindi, una scala dove ogni gradino rappresenta un comportamento aggressivo più forte di quello precedente, che alla fine porta all’ultimo livello che è, appunto, il morso.

Continua la lettura dell’articolo sulla rivista digitale, clicca il banner qui sotto.

Altre letture consigliate

L’aggressione del cane provoca una caduta fatale. Chi è responsabile?

Studio Legale Zambonin

I sensi di cane e gatto

Maria Paola Gianni

Perché il gatto è diffidente?

Ewa Princi

Morso in area cani: chi è il responsabile?

Studio Legale Zambonin

Pulciosetto, il gatto influencer

Maria Paola Gianni

Benvenuti al centro cinofilo Friendlypets

Gaia Stramezzi