fbpx
venerdì, 22 Mar 2019
Quattro Zampe
Paura dei cani
Attualità Comportamento

Paura dei cani: ecco come vincerla

La cinofobia, la paura dei cani, è una delle paure più diffuse, ma allo stesso tempo una delle più vincibili se guidati da un professionista.

La scienza ci insegna che la mente umana lavora mettendo le esperienze vissute nei cosiddetti “cassetti” del nostro “armadio” mentale.

Di questi ce ne creiamo di tutti i tipi. Le belle esperienze da bambino, il primo amore, i viaggi.

Si teme quel che non si conosce

E poi c’è tutto quello che non riusciamo a spiegare, che non conosciamo e ci fa paura e che preferiamo mettere nei cassetti bassi dove non andiamo quasi mai a guardare.

È nella natura umana avere paura di quello che non si conosce e che potenzialmente può essere pericoloso. In Italia i sessanta milioni di cittadini convivono con circa sei milioni di cani, una tendenza fortunatamente in aumento.

Oramai i cani fanno parte della nostra vita quotidiana e, quindi, è impossibile evitarli.

Paura dei caniOrigine della paura dei cani

La paura dei cani nasce o da esperienze negative vissute o dalla mancanza di conoscenza di quello che ci fa paura.

Spesso l’origine non è per un morso, che sicuramente è una cosa molto traumatizzante, ma risale alla nostra infanzia, dove forse un solo abbaio forte di un canone nero ci ha indotto a evitare futuri incontri.

Cani, bambini e guida adulta

La relazione tra i bambini e i cani deve essere costruita con una guida adulta. Mai lasciare i bambini piccoli soli con un cane, anche se quest’ultimo “è sempre buonissimo”.

I bambini sono molto interessanti per i cani, ma purtroppo hanno esigenze e modi di comunicare molto diversi.

I movimenti erratici abbinati a suoni alti, a volte stridenti, che emettono i piccoli possono dare molto fastidio al sensibile udito del cane, che a suo tempo può trovarsi a dovere reagire istintivamente a una situazione improvvisa, interpretandola male, causando una di quelle reazioni violente che possono provocare gravi lesioni. Di esempi così, purtroppo, la cronaca è piena.

Il morso del cane è sempre “l’ultima ratio”

Ricordiamoci una cosa: nessun cane morde per divertimento. Il morso è sempre “l’ultima ratio” per il cane, ed è l’ultima azione su quella che io chiamo “la scala di avvertimento”.

I nostri amici pelosi comunicano il loro disagio in certe situazioni usando il linguaggio canino, cioè il linguaggio del corpo abbinato a una vocalizzazione (l’abbaio) limitata.

L’inizio può essere il semplice girare la testa dall’altra parte, seguito da un abbaio, una ringhiata, una ringhiata più profonda, mostrare i denti, mostrare i denti e ringhiare più a lungo, eccetera.

Basterebbe leggere il linguaggio del corpo

Tutto questo può essere abbinato a un pelo ritto, una coda immobile, una portatura del corpo dura, un indurimento dello sguardo e da lì, se la situazione non si calma, il morso è imminente.

Tutto questo è evitabile con poco. Sembra facile, ma è per questo che ci vuole un professionista che vi guidi, perché il linguaggio del corpo dei cani è il più complesso e veloce del mondo animale.Paura dei cani

Bisogna cercare di conoscerlo e di capirlo. Ed è proprio qui che si inizia a vincere la paura. Se ci si prende il tempo per informarsi, educarsi e capire, siamo poi in grado di interpretare una situazione correttamente e di agire di conseguenza.

Antropomorfismo è autoinganno

L’essere umano tende a umanizzare gli animali dandogli attributi umani.

Questo antropomorfismo è una nostra forma di pigrizia che porta all’autoinganno. Il mio lavoro di comportamentalista ed educatore cinofilo mi porta ad affrontare realtà molto diverse in tutta Europa.

Alla base, però, della maggior parte dei problemi, e quindi spesso della paura verso i cani, c’è un comune denominatore: la mancanza di consapevolezza.

Solo l’uomo mostra i denti per amicizia

Ed è per questo che uno dei miei seminari più seguiti da adulti e bambini che hanno paura è: “Capire e interpretare il linguaggio dei cani e vincere le nostre paure”.

Come racconto spesso in queste occasioni: ricordatevi che l’essere umano è l’unico animale che mostra i denti in un segno amichevole.

Se un altro animale vi mostra i denti… è un serio avvertimento!

Affidatevi sempre a un professionista specializzato che vi aiuterà individualmente a vincere la vostra paura e sono sicuro che sarà una vera liberazione e chissà, forse anche l’inizio di una nuova passione.

 

Info: DrDogTrainer

 

 

Altre letture consigliate

Pimpi, la cagnolina di Susanna Tamaro avvelenata da un boccone

Alessandro Macciò

In vacanza con il cane: i consigli per evitare i disagi

Claudia Ferronato

Quando scappa la pipì: dove fare i bisognini?

Claudia Ferronato