martedì, 18 Feb 2020
Quattro Zampe
Comportamento Primo Piano

Perché il gatto è diffidente?

La personalità del gatto è data sia dal temperamento (influenza genetica), che dal carattere (influenza ambientale legata al vissuto). In particolare, la personalità felina è determinata da diversi fattori, come genetica, predisposizione della razza, prime esperienze, esperienze di vita e ambiente in cui vive.

Un gattino che non è stato maneggiato da persone, non ha incontrato cani o sperimentato oggetti comuni nelle case come aspirapolvere, campanelli, bambini che ridono e urlano, rischia di reagire bruscamente a tutte queste novità perché le troverà molto minacciose. Per cui il gatto cercherà di evitare qualsiasi interazione con ciò che teme, magari nascondendosi o risultando aggressivo, anche se viene seguito solo per essere accarezzato.

SVILUPPO DELLA PERSONALITÀ DEL GATTO

Le caratteristiche comportamentali di un gatto diffidente, ma non solo, sono determinate dalla genetica, dall’ambiente e dalle esperienze.

L’audacia, la capacità di accettare le novità e l’interazione sociale variano, quindi, con la predisposizione genetica e con l’ambiente. Tutto ciò al quale un gattino viene esposto tra le due e le nove settimane di vita determinerà quali tipi di esperienze potrà tollerare per il resto della sua vita. Questo delicato periodo di socializzazione è fondamentale per plasmare i suoi comportamenti.

Durante le prime settimane di vita il gattino inizia a costruire la sua identità sociale e impara come nutrirsi per sopravvivere. La madre lo svezzerà e lo introdurrà gradualmente a ogni singola fase della predazione. Fino all’età di circa due mesi, il gattino è particolarmente sensibile all’apprendimento dal suo ambiente e dai legami sociali.

L’IMPORTANZA DELLA MANIPOLAZIONE

La ricerca condotta sulla qualità e sulla quantità della manipolazione durante questo “periodo delicato” mostra che ci sono diversi vantaggi nel fornire la necessaria socializzazione nel modo giusto. Infatti, gattini di età compresa tra le due e le nove settimane che vengono gestiti in modo calmo e positivo da diverse persone; essi tendono a essere più socievoli verso gli umani rispetto a quelli che non hanno beneficiato di tale trattamento.

Estratto Quattro Zampe dicembre 2019

Continua la lettura dell’articolo sulla rivista digitale, clicca il banner qui sotto.

Altre letture consigliate

Festa del Gatto, ecco sua maestà

Valentina Maggio

Gli eroi che salvano animali

Edgar Meyer

La mia vita con due cani disabili

Redazione Quattro Zampe

Coccole invernali con il cibo a quattro zampe

Redazione Quattro Zampe

Il cane ha paura del pavimento lucido. Cosa fare?

Angelo Vaira

Animali in tivù, quale tutela?

Claudia Taccani