sabato, 17 Nov 2018
Quattro Zampe
American Curl
Razze Feline

American Curl

L’American Curl è un gatto davvero particolare.
Ancora raro e poco conosciuto, si distingue per le strane orecchie, curvate all’indietro.
Sembra che sia stato il gatto preferito dal presidente degli Stati Uniti, Ronald Reagan.

american curl

Tutto ha inizio da una micia randagia

La storia di questo insolito felino ha avuto inizio da una gattina californiana randagia, minuta, nera, a pelo semilungo e, soprattutto, con le orecchie arricciate.
Quando nel 1982 Shulamith (che nel frattempo era stata adottata dai coniugi Grace e Joe Ruga) partorì, due dei suoi quattro cuccioli avevano le stesse buffe orecchie.
Fu evidente che tale caratteristica non era un’anomalia, ma una mutazione genetica dominante, quindi trasmissibile ai figli, anche se presente in uno solo dei genitori.
Nel giro di qualche anno, grazie a un allevamento altamente selettivo, si ottennero intere cucciolate con le orecchie ‘curl’ (‘a ricciolo’, in inglese).
La razza American Curl è molto recente – riconosciuta nel 1985 dalla Tica e solo dieci anni più tardi dalla Cfa, nelle due varianti a pelo corto e a pelo semilungo.
Ed è nata proprio dal desiderio di selezionare soggetti con caratteristiche originali, simpatiche o addirittura bizzarre…
Proprio come le orecchie piegate a ricciolo, che danno al muso un aspetto inconfondibile.

american curlA guinzaglio sì, ma va abituato

 

Di taglia media, allevato in molti colori e disegni, l’American Curl ha un portamento maestoso, come se sapesse di essere a suo modo una star.
Tranquillo ed equilibrato, docile e sensibile, nutre un grande affetto per i suoi familiari, scegliendone poi uno in particolare come ‘genitore adottivo’.
Ama stare in braccio, dormire nel letto con i suoi umani ed essere sempre al centro della loro attenzione. Attivo, curioso e piuttosto vivace, è giocherellone anche in età adulta.
Attento e intelligente, si diverte a fare molti giochi e apprende dai comportamenti dei suoi amici umani. Adora gli spazi aperti, ma è capace di adattarsi perfettamente alla vita casalinga, anche in appartamento. Soprattutto se ha la possibilità di fare ogni tanto una passeggiata.
Partecipa con entusiasmo alle attività di tutta la famiglia, anche se di solito manifesta particolare preferenza per una persona.
E a lei riserva speciali affettuosità e lunghi ‘discorsi’: ‘discute’ animatamente, facendosi capire benissimo. Si esprime con una voce tenera e delicata, un miagolio flebile e continuo… spesso ‘borbotta’ a lungo, proprio come se volesse parlare.
Tranquillo e pacifico, affettuosissimo (senza, però, essere troppo ‘appiccicoso’) ama farsi prendere in braccio, accarezzare e coccolare.
Fa le fusa con grandissimo impegno.
Accetta serenamente i viaggi, sistemato nel suo trasportino, e si lascia portare perfino al guinzaglio (basta abituarlo quando è ancora molto giovane).
Non è mai aggressivo, non graffia, né soffia, di solito non ha neppure l’abitudine di ‘farsi le unghie’.
Ha un ottimo rapporto con tutti, accetta di buon grado la convivenza con altri animali e con i bambini (non troppo scatenati, perché detesta i rumori improvvisi).
Nella variante a pelo semilungo il sottopelo è minimo; il mantello, liscio e setoso, aderente al corpo, non necessita quindi di grandi cure.
american curl

Quando si arricciano le orecchie degli American Curl?

 

Appena nati i cuccioli American Curl hanno orecchie morbide, diritte e bagnate, come quelle di qualsiasi gattino (a volte addirittura piegate in avanti).
Solo dopo qualche giorno la cartilagine si indurisce, il padiglione auricolare si tende, si raddrizza e infine si ‘arriccia’, per poi assumere la forma definitiva intorno ai 4 mesi.

La cura delle orecchie

Fortunatamente, la mutazione genetica responsabile delle caratteristiche orecchie arricciate non comporta altre anomalie fisiche indesiderabili.
Le orecchie dell’American Curl sono larghe e aperte alla base, piegate all’indietro in un arco regolare, con un grado di curvatura che può andare da 90° a 180°.
Più esposte agli agenti esterni, rispetto a quelle normali, vanno pulite spesso con una garzina imbevuta di acqua sterile.
Bisogna rimuovere delicatamente le abbondanti secrezioni che si possono formare sulla loro superficie interna e facendo attenzione a non irritare la cartilagine del padiglione, molto sottile e delicata.
Se in famiglia ci sono bambini piccoli, bisogna controllare che non le tirino (per ‘srotolarle’) e non vi infilino dentro nulla.
american curl

Io lo conosco bene

Oltre a un cagnolino meticcio, Mara Rossi ha due giovani gatti Norvegesi (un maschio e una femmina) e un American Curl di un anno, che si chiama Giorgio.
Aveva scoperto questa razza navigando su internet quando in Italia non era ancora possibile trovare un cucciolo.
Poi, visitando l’Expo di Padova nel gennaio 2018, ha incontrato lui…
“Non avrei dovuto prendere altri gatti, ma quando lo ho visto me ne sono subito innamorata e non ho saputo resistere.
Giorgino è bellissimo e ha uno sguardo che ti conquista immediatamente, con quegli occhi di un verde trasparente e luminoso”.
american curl

Che cosa le piace di più in questo gatto?

“Al di là della bellezza, è molto simpatico, coccolone… vivace, ma non in modo esagerato.
Non fa disastri e non distrugge nulla.
Avendolo con me ho scoperto che ha un carattere molto piacevole.
È tenero, affettuoso e coccolone, ma senza esagerare.
Da quando è arrivato, la nostra casa è diventata molto più allegra e anche gli altri animali di famiglia interagiscono molto con lui.
Ha un carattere abbastanza forte, si fa rispettare, ma non litiga mai.
Si diverte a nascondersi e fa tanti agguati, ma sempre per gioco.
In certi momenti gli piace tantissimo stare sulla spalla, come una scimmietta.
Ama molto anche imitare gli atteggiamenti del cane e degli altri due gatti.”
american curl

La scheda

L’American Curl ha un portamento maestoso, come se sapesse di essere una star. Il manto è setoso ed elastico.
Soffre la solitudine, non va lasciato da solo.

Razza: American Curl
Origine: California, 1982
Ascendenza:  Gattina randagia
Peso: 2,5-5 kg la femmina, 5-8 kg il maschio
Ibridazioni: nessuna
Temperamento: Dolce, vivace e attivo anche in età avanzata

Impegno

Soffre la solitudine, ha bisogno di presenza, affetto e attenzioni.
Se lo si deve lasciare solo a lungo durante la giornata, al rientro bisogna poi riservargli un’abbondante dose di coccole.

 

Cure mediche

Le orecchie richiedono attenzioni particolari e vanno pulite spesso, delicatamente, con una garzina imbevuta con prodotti specifici, oppure acqua bollita tiepida.

Socialità

Molto socievole e affettuoso, legatissimo a tutti i membri della famiglia.
L’American Curl ama anche la compagnia dei bambini.

Pelo

Il mantello dei soggetti a pelo corto non necessita di cure particolari.
Nel periodo della muta va pettinato almeno due-tre volte la settimana (un po’ più spesso quello semilungo).
di Giulia Settimo

Altre letture consigliate

Tiffany

Redazione Quattro Zampe

Norvegese delle Foreste

Redazione Quattro Zampe

Burmese

Claudia Ferronato