domenica, 23 Feb 2020
Quattro Zampe
angora-turco
Razze Feline

Angora Turco

[box style=”rounded” border=”full”]

Origine: Turchia, XV secolo
Ascendenza: gatti comuni nella regione della Cappadocia
Peso: 3-4 kg la femmina, 4-5 kg il maschio
Ibridazioni: nessuna
Temperamento: vivace, affettuoso e sensibile

Sample Content[/box]

Il suo nome è quello della capitale della Turchia, ribattezzata Ankara nel 1930. A scoprirlo e portarlo in Europa, nel XVII secolo, è stato un italiano, l’archeologo- umanista Pietro della Valle. In Italia e nei paesi Europei l’Angora Turco è ancora piuttosto raro, ma i nostri allevatori sono tra i migliori del mondo e le loro cucciolate davvero splendide.

Aspetto dell’Angora Turco

Chi ha l’avventura di incontrare questo piccolo felino snello e muscoloso, incredibilmente aggraziato e vestito di un lungo mantello setoso, con quel musetto triangolare, nel quale spiccano grandi occhi a mandorla di un intenso colore blu cielo, oppure di una calda tonalità arancio, difficilmente resiste al suo charme.

Il corpo è longilineo e ben proporzionato, le zampe sono lunghe, sottili ed elastiche, con piedi piccoli e rotondi, dai quali spuntano ciuffi di pelo tra le dita. La coda lunga e piumosa, spesso atteggiata ‘a pennacchio’, aggiunge un tocco di grazia al portamento.

Impegno

Vivendo da secoli in compagnia dell’uomo, ha bisogno di attenzione e di contatto fisico. Soffre un po’ la solitudine e le assenze prolungate del padrone, ma a questo si può rimediare dandogli la compagnia di un altro gatto.

Pelo dell’Angora turco

La toeletta del sontuoso mantello dell’Angora Turco, fine e setoso, quasi del tutto privo di sottopelo, non è affatto impegnativa: per mantenerlo in ordine bastano una bella spazzolata settimanale (ogni due-tre giorni solo nel periodo della muta) e tante carezze tutti i giorni.

Cure mediche

Ha le caratteristiche di robustezza tipiche dei felini che appartengono a una razza naturale, ma in alcuni soggetti bianchi con occhi blu può manifestarsi una forma di sordità su base ereditaria. Basta imparare a comunicare con loro nel modo giusto.

Socialità dell’Angora Turco

Indipendente, esuberante, giocherellone e molto affettuoso, ha generalmente un’intesa assolutamente speciale con i suoi compagni umani. E’ un grandissimo coccolone, capace di intavolare veri e propri ‘discorsi’ con il padrone, modulando la voce e muovendo la coda a pennacchio, per sottolineare anche con il linguaggio del corpo ciò che ha da dire.

Il temperamento di questo animale, sempre desideroso di contatto umano, ma al tempo stesso fiero e indipendente, agile e scattante come deve essere un vero gatto, è dolcissimo e molto equilibrato. È particolarmente socievole anche con gli estranei, ai quali, curioso com’è, dà subito una certa confidenza, per poterli studiare da vicino.

Un compagno di vita allegro e sensibile, dinamico, curioso e creativo, ma anche dolce, intuitivo e sensibile, l’Angora Turco si adatta molto bene alla vita casalinga e partecipa con grande interesse alle attività di tutti i membri della famiglia. Accetta di buon grado la presenza di altri animali e si rivela uno splendido compagno di giochi per i bambini.

Di Giulia Settimo (riproduzione vietata)

Foto di Roberto Della Vite

Altre letture consigliate

Sacro di Birmania

Giulia Settimo

Il Gatto Siberiano

Giulia Settimo

Maine Coon

Giulia Settimo

Bengal

Giulia Settimo

Selkirk Rex

Giulia Settimo

American Curl

Giulia Settimo