fbpx
venerdì, 23 Ago 2019
Quattro Zampe
Razze Feline

Norvegese delle Foreste

Il Norvegese delle Foreste ha una mole imponente e un’indole molto buona, così viene proprio voglia di abbracciarlo e coccolarlo.

La scheda del Norvegese delle Foreste

Razza: Norvegese delle Foreste
Origine: Norvegia
Ascendenza: gatti selvatici e di fattoria
Peso: fino a 7-9 Kg il maschio, 4-6 Kg la femmina
Ibridazioni: nessuna
Temperamento: vivace, affettuoso e riservato

  • Testa:triangolare, lunga, con mento forte e profilo diritto, collo breve, largo e vigoroso
  • Orecchie:alte e aperte, larghe alla base, appuntite, protette all’interno da lunghi ciuffi di pelo
  • Occhi: grandi e bene aperti, leggermente a mandorla e obliqui, di tonalità in armonia con il colore del mantello (nei soggetti bianchi possono essere blu o impari)
  • Corpo: robusto, mma non grasso, ha solida struttura ossea, muscolatura forte e tonica
  • Zampe: lunghe e forti (le posteriori un po’ più alte delle anteriori) con piedi grandi, arrotondati, leggermente palmati e vistosi ciuffi di pelo tra le dita
  • Coda: lunga e folta, ampia alla base, si assottiglia gradualmente fino alla punta
  • Mantello: doppio e semilungo, con sottopelo lanoso, coperto da pelo lungo, liscio, lucido e idrorepellente; più corto sulle spalle, ma fluente lungo i fianchi e nella ricca gorgiera
  • Colori: tutti i disegni e colori, incluse le varietà con bianco, escluse le sfumature di tipo point e le varietà chocolate, lilac, cinnamon, fawn

Caratteristiche del Norvegese delle Foreste

Impegno

Ama stare all’aperto e, in ogni caso, ha bisogno di muoversi e arrampicarsi, per poi recuperare le energie con pasti abbondanti.

Cure mediche

Come tutti i gatti appartenenti a una razza naturale, è forte, sano e robusto.

Socialità

È un gatto intelligente e giocherellone, indipendente, ma anche affettuosissimo e coccolone con i suoi familiari (un po’ più riservato con gli estranei).

Pelo

Il mantello, liscio e scorrevole, non fa nodi e non richiede eccessive attenzioni: bastano poche spazzolate, due o tre volte la settimana, con particolare attenzione ai punti dove il pelo è più lungo e fitto; bisogna invece pettinarlo quotidianamente nel periodo della muta, per evitare che si formino nodi sotto le ascelle, dietro le orecchie, sulle cosce e sotto la coda o che il gatto ingurgiti troppo pelo quando si pulisce.

Come distinguere il Norvegese delle Foreste dal Maine Coon e dal gatto Siberiano

Per la loro somiglianza, molti tendono a confondere Norvegese e Maine Coon, benché il secondo sia decisamente più grande, grosso e pesante. La differenza più evidente è, però, nella forma della testa: quella del Norvegese è triangolare, con un naso diritto, mentre quella del Maine Coon è più grande e squadrata, con uno stop ben evidente. Il mantello del Norvegese, doppio e spesso, è più rustico e grasso, quello del Maine Coon più morbido e vaporoso. Il Siberiano, invece, è di taglia decisamente più grande, ha un mantello più fitto e un muso molto largo e ovale.

Approfondimenti:
Leggi tutte le curiosità sulla razza di gatti Norvegese delle Foreste: Il Norvegese, gatto delle foreste che ama la vita domestica

 

Altre letture consigliate

L’Orientale a pelo corto

Giulia Settimo

Gatto Europeo

Giulia Settimo

Scottish Fold

Giulia Settimo

Siamese

Giulia Settimo

Thai

Giulia Settimo

Peterbald

Giulia Settimo