martedì, 31 Mar 2020
Quattro Zampe
Salute e benessere

Vaccinalo: è un regalo d’amore

Il gatto domestico può, a seconda della vita che conduce, essere più o meno esposto al rischio di malattie infettive; quelli che hanno accesso agli spazi aperti e che quindi possono incontrare soggetti “di strada” sono ovviamente più a rischio, ma ciò non vuol dire che i mici di casa possano dirsi del tutto tranquilli. Nei primi mesi di vita il rischio di infezioni è altissimo per tutti i gatti, per cui sarà importantissimo iniziare l’immunizzazione di base già dal 50°-60° giorno di vita. Il vaccino più classico comprende le tre malattie virali più frequenti: l’infezione da Herpes Virus (rinotracheite e cheratocongiuntivite) è contagiosissima e miete vittime tra i gattini, che possono infettarsi anche dalla madre, al momento del parto; la malattia indotta da Calicivirus colpisce, come la precedente, le vie respiratorie, gli occhi e, in più, la bocca; la Parvovirosi è la più grave di tutte, è contagiosissima, provoca una grave malattia generalizzata con forte componente gastroenterica che, nella maggior parte dei casi, conduce a morte. Queste virosi possono essere prevenute tutte insieme con un unico vaccino trivalente. L’immunizzazione di base sarà uguale per tutti i soggetti (prima dose a cinquanta giorni; seconda dose, dopo venti giorni); i richiami saranno annuali fino ai cinque-sei anni, poi potranno essere diradati.

Dopo il primo anno di vita il pericolo delle infezioni virali respiratorie si riduce, mentre la Parvovirosi resta un rischio reale anche per i soggetti casalinghi, dato che il virus è molto diffusibile e resistente nell’ambiente esterno, per cui potremmo essere noi a portarlo dentro casa, magari con le scarpe.

Discorso a parte merita il vaccino contro il virus della Leucemia; questo agente patogeno viene trasmesso solo con il morso o l’accoppiamento, per cui l’immunizzazione sarà realmente necessaria solo per i soggetti da riproduzione o per quelli che, all’aperto, possono lottare con i loro simili. Altri vaccini impiegati: quello contro il germe Clamidia, che provoca una infezione oculare e respiratoria e che può essere contagiato da gatti infetti con colpi di tosse, starnuti e scolo oculare, e quello contro la Rabbia, che si pratica nelle regioni ove sia obbligatorio (il rischio per il gatto è molto basso) o in caso di espatrio, per motivi medico-legali.

 

Di cosa si tratta – Prevenzione delle più comuni malattie infettive

Come si cura – Iniezioni annuali da parte del medico veterinario

 

 

a cura di Alessandro Arrighi
foto di Shutterstock

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altre letture consigliate

L’otite del cane e del gatto

Valentina Maggio

Cani e gatti sterilizzati, ecco la pappa perfetta

Redazione Quattro Zampe

Marcatura urinaria del gatto, perché lo fa?

Ewa Princi

La dieta dei primi passi

Come calcolare l’età del gatto in anni umani

Redazione Quattro Zampe

Coccole invernali con il cibo a quattro zampe

Redazione Quattro Zampe