fbpx
lunedì, 19 Ago 2019
Quattro Zampe
Gatti Storie di gatti

Maine Coon: vivere con il gigante selvaggio

Maine-Coon (1)

 

Il Maine Coon un gatto speciale, un compagno presente, vigile, affettuoso sebbene un po’ indipendente. Molto curioso e con quel suo aspetto un po’ selvatico e gigante sembra proprio uno spirito delle foreste. Parliamone con qualcuno che li conosce bene.

Simona Cannas alleva gatti Maine Coon dal 2008 e nel 2011 ha ottenuto l’affisso Le linci d’Ichnusa (www.lincidichnusa.it)

 

Come ha conosciuto questa razza?

Nel 2002 avevo perso la mia gattina Tobia, un comune gatto europeo che però assomigliava un po’ a un Maine Coon. L’anno dopo mio marito (allora mio fidanzato) decise di procurarmene uno con pedigree come regalo di laurea. Fu amore a prima vista! Abigail è la capostipite del nostro allevamento… Il suo carattere, la sua simpatia e la sua bellezza ci hanno conquistato. Decidemmo di farla accoppiare e chiedemmo a un’allevatrice di Milano, Flavia Elli, che fu molto carina e ci spiegò alcune cose relative all’allevamento. Abigail partorì una gattina sola che decidemmo di tenere. Io trascorsi poi un periodo in Australia per lavoro e qui, nel 2008, decisi di prendere un altro Maine Coon, Bacon, il nostro Premior mondiale. Iniziò allora la nostra avventura nel mondo dell’allevamento. Nel 2011 ottenemmo l’affisso insieme alla nostra socia Greta Berteselli.

Cosa rende speciale il Maine Coon?

Oltre ad essere imponente, regale e magnifico esteticamente, ha un carattere meraviglioso. È tranquillo, ama la compagnia, è molto socievole, si adatta facilmente alle diverse situazioni (ovviamente se tutto si fa in maniera corretta) ed è un giocherellone. Sembra un po’ un cane ‘vestito’ da gatto. Unico è il fatto che il suo aspetto, selvatico e gigante, ricorda quello di una lince, ma il suo carattere è docile e adorabile.

Maine-Coon (3)Quali sono state fino ad ora le sue maggiori soddisfazioni come allevatrice?

Oltre ai premi e ai titoli di campioni mondiali che abbiamo ottenuto con i nostri maschi, sicuramente quelle che ci vengono dai nuovi proprietari dei nostri cuccioli. Spesso chi prende un gatto da noi, dopo qualche anno, ce ne chiede un secondo, a conferma che abbiamo fatto un buon lavoro.

A chi consiglierebbe di adottare un cucciolo di questa razza? E a chi lo sconsiglia?

Lo consiglierei a chiunque voglia un compagno speciale, amorevole e giocherellone. Non lo consiglierei a chi vuole un gatto ‘soprammobile’… è un animale molto docile, ma attivo e vivace. Ama anche giocare con l’acqua e spesso, quando beve, con la zampa la sparge un po’ ovunque.

Approfondimenti:
Leggi la scheda della razza felina Maine Coon

Altre letture consigliate

C’è un gatto in palestra: ucciso dal bidello davanti ai bimbi

Alessandro Macciò

Alessandro Borghese: lo chef rock che ama i gatti

Maria Paola Gianni

Salva il gatto in pericolo di vita e l’azienda lo sospende

Alessandro Macciò

Roxy, la gatta che ha ritrovato la sua padrona dopo cinque anni

Alessandro Macciò

Van Cat Meow, storia di Willow il gatto viaggiatore

Claudia Ferronato

Conosci Bruno? 11 kg di simpatia che hanno conquistato il web

Claudia Ferronato