fbpx
martedì, 18 Giu 2019
Quattro Zampe
Curiosità

Brigitte Bardot chiede un “miracolo di Natale” per salvare gli animali

Un “miracolo di Natale” per salvare gli animali. È questa la richiesta rivolta a Emmanuel Macron dall’ex attrice Brigitte Bardot.

Brigitte Bardot, 84 anni, ha scritto una lettera aperta al presidente francese per chiedere più attenzione e più tutela nei confronti degli animali che soffrono.

Attivista animalista fin dagli anni Sessanta, Brigitte Bardot ha confermato la sua sensibilità sul tema con una lettera che chiede norme anti-caccia e anti-maltrattamento nei macelli. Provvedimenti che l’ex attrice francese definisce come una sorta di miracolo. Come a dire che la speranza è l’ultima a morire.

La lettera di Brigitte Bardot per migliorare la condizione animale

Ecco alcuni passaggi della riflessione:

Il Natale per alcuni è un piccolo miracolo, e io credo nei miracoli. Se è difficile, a volte impossibile, migliorare la condizione umana, sarebbe facile con un po’ di attenzione e compassione, migliorare la condizione animale le cui sofferenze mute sono una vergogna per la Francia.

Brigitte Bardot

Nel mirino caccia e mattatoi

A Macron, in particolare, Brigitte Bardot rivolge due richieste. Da un lato quella di potenziare la videosorveglianza nei mattatoi, “luoghi di terrore dove ogni giorno vengono sacrificati 3 milioni di animali in Francia”. La videosorveglianza nei macelli sarebbe “indispensabile” per ridurre le sofferenze degli animali. Dall’altro lato quella di prendere posizione contro la caccia, che “trasforma la Francia in un centro ricreativo per lo sterminio di animali”.

Ora resta da capire se Macron sarà disposto ad ascoltare queste richieste e a metterle in pratica.

Altre letture consigliate

Pet Award e Quality Award: i premi che scodinzolano

Maria Paola Gianni

Ho trovato un cane abbandonato e ora è mio?

Claudia Taccani

Animali di famiglia: proposta di legge per tutelare i nostri pet

Avv. Francesca Zambonin

Pets 2 al cinema, in palio c’è anche una vacanza

Tutti in classe col progetto CuccioliAmori

Alessandro Macciò

Giornata dell’adozione, la Cina dà l’esempio

Alessandro Macciò