fbpx
venerdì, 18 Gen 2019
Quattro Zampe
Curiosità Primo Piano

Le renne di Natale

Quando arriva la Vigilia di Natale non si può che pensare a Babbo Natale e alle sue magnifiche renne volanti.

Origini, storie e leggende legate alle classiche renne di Natale da sempre insieme al nonnino più amato dai bambini

Le renne volanti di Babbo Natale sono una presenza ormai fissa per i bambini che ne avvertono l’arrivo dal tintinnio delle campanelle.

Ormai le renne di Natale sono un’assoluta certezza, ma qual è la loro origine?

Le renne di Natale appaiono per la prima volta in una poesia natalizia del 1823 dal titolo “A Visit from St. Nicholas” nella quale vengono identificate con nomi propri: Dasher, Dancer, Prancer, Vixen, Comet, Cupid, Donder e Blitzen.

Successivamente è stata poi aggiunta la nona renna, quella più famosa per via del naso rosso dal nome di Rudolph, la cui storia venne scritta nel 1939 da Robert L. May. Rudolph sarebbe entrata nell’entourage di Babbo Natale proprio grazie al naso rosso e luminoso, messo “a disposizione” per illuminare la strada alle altre renne che avevano difficoltà a muoversi nel cielo invernale.

Insomma, le nostre renne sembrerebbero avere un’origine moderna, eppure la loro caratteristica del poter “volare” le lega a molti miti nordici, proprio i luoghi da cui proviene lo stesso Babbo Natale.

Animali volanti del nord Europa

Nelle mitologie del nord Europa è notevole la presenza di animali volanti, basti pensare ai lupi di Odino e al carro di Freja trainato da gatti sacri e soprattutto volanti.

Si credeva che gli spiriti degli sciamani potessero cavalcare una renna o prendere le sembianze di una renna per viaggiare velocemente sulla terra e coprire molte distanze in pochissimo tempo.

Erano animali venerati dalle popolazioni paleosiberiane che si rivolgevano a un vero e proprio Signore delle Renne, colui che custodiva le regole della natura, erano, inoltre, animali sacri alla Grande Madre scandinava, Isa o Disa. Il Signore delle Renne è un essere mitologico simile alla divinità preistorica diffusa dalle nostre parti dal nome di Signore degli Animali, identificato con il Cernunnos, dall’aspetto di uomo con corna di cervo, colui che governava la natura e i suoi cicli vitali.

La leggenda del popolo Yakut

C’è una bellissima leggenda che riguarda il popolo siberiano degli Yakut che naturalmente ha a che fare con le renne come animali sacri.

Essa narra di un uomo che rimane perfettamente cosciente durante il proprio decesso, vedendo un toro nero giunto per prenderlo e portarlo nel mondo sotterraneo dell’aldilà. Lì incontra un anziano che gli dice di riportare indietro il corpo perché era destinato a resuscitare. Viene, dunque, riportato sulla Terra da un corvo, rilasciandolo su un alto larice, dove viene allevato da una sacra renna bianca che lo fa diventare un grande sciamano.

Questo mito conferma l’importanza delle renne, legandosi anche alla cultura degli Chukchi siberiani, i cui sciamani raggiungono il mondo degli spiriti volando sul dorso di una renna, un’immagine che ricorda molto la figura di Babbo Natale che giunge da un lontano mondo nordico trasportato da questi particolari “animali volanti”.

E Babbo Natale?

Babbo Natale sembra, dunque, voler rappresentare uno spirito che si mostra la notte del 24 dicembre portando doni a coloro che si sono comportati bene.

Il vero nome di Babbo Natale è Nicholas, da San Nicola, il patrono di Bari.

Ebbene sì, Babbo Natale sarebbe italiano, ma le sue inconfondibili caratteristiche le avrebbe prese… indovinate un po’? Ma dall’America!

L’inconfondibile vestito rosso, ad esempio, gli sarebbe stato attribuito dalla Coca Cola, “assumendolo” nello scorso secolo come testimonial d’eccezione.

Ma il fatto di volare apparve per la prima volta nel 1812, quando lo scrittore statunitense di origini scozzesi, Washington Irving pubblicò nella sua “storia di Natale” la descrizione di San Nicola mentre guidava un carro trainato dal suo cavallo, entrando nei camini della città.

Già, proprio un cavallo perché le renne compaiono più tardi, nel 1821 grazie a una illustrazione che mostra per la prima volta la slitta di Babbo Natale disegnata, ahimè, da un autore anonimo. Venne pubblicata a New York su un poema illustrato dal titolo di “A children’ friend”, fino a quel momento Babbo Natale si muoveva, ripetiamo, grazie a un cavallo sostituito in quell’occasione dalla renna.

Un errore o il disegnatore era appassionato dei miti nordici al punto da introdurre qualcosa di “autentico”? Chi può dirlo, fatto sta che l’immagine ebbe molto successo e rimase quella che conosciamo fino ad oggi!

Approfondimenti:
Miti e leggende passano attraverso i libri. Vi proponiamo due letture sul mondo animalesco che appassioneranno senza dubbio grandi e piccini:
Wild
Dove vi siete nascosti?

 

 

 

Altre letture consigliate

L’ultimo saluto di Mauro Corona al cagnolino Roci: “Era il mio migliore amico”

Alessandro Macciò

Livigno: la convivenza tra sei cani e un bambino finisce nella sporcizia

Claudia Ferronato

Cure veterinarie gratis se il padrone è indigente o adotta il pet

Alessandro Macciò