fbpx
sabato, 25 Mag 2019
Quattro Zampe
Curiosità

L’Iran dichiara guerra ai cani: vietato farli uscire di casa

Tempi duri per i cani in Iran. La polizia di Teheran infatti ha annunciato che i cani non potranno più uscire di casa. Chi verrà sorpreso a spasso con il proprio cane in luogo pubblico, riceverà una multa.

Cosa dice il divieto di portare fuori il proprio cane

Il divieto di uscire con i cani introdotto in Iran non prevede nessuna deroga. La multa infatti scatta anche se il padrone tiene il cane al guinzaglio, con la museruola, in braccio o dentro a un trasportino. In Iran inoltre i proprietari di cani non potranno nemmeno far salire Fido in auto. Il divieto infatti non riguarda solo i cani che camminano in spazi pubblici, ma anche chi decide di guidare con cani in auto. Mettersi al volante con un cane può portare a “serie azioni di polizia contro i proprietari dei veicoli in questione”.

Le ragioni del divieto di portare a spasso il cane

Annunciando l’introduzione del divieto, la polizia dell’Iran ha ricordato che i cani sarebbero colpevoli di generare “paura e ansia” tra i cittadini. Sullo sfondo ci sono motivazioni di ordine politico e religioso. Secondo alcune interpretazioni del Corano, il cane sarebbe un animale “impuro”. Inoltre il cane è considerato un simbolo della vecchia monarchia filo-occidentale, estromessa dalla rivoluzione islamica nel 1979.

I precedenti e le proteste

In ogni caso, non è la prima volta che l’Iran dichiara guerra ai cani. Dal 1979 a oggi, le autorità hanno confiscato più volte i cani ai loro padroni. Nel 2010 l’Iran ha vietato la riproduzione di pubblicità con cani e altri animali domestici. Altre proposte di legge chiedevano la soppressione di tutti i cani presenti in Iran e la punizione dei loro padroni a colpi di frusta. L’ultima novità ha suscitato numerose proteste.

Gli amanti dei cani si dicono pronti a combattere pur di difendere i loro amici a quattro zampe.

E secondo molti la polizia sarà costretta a chiudere un occhio, perché in Iran il cane è un animale sempre più diffuso.

Approfondimenti: 

Secondo l’ultima ricerca dell’Eurispes, in Italia gli animali sono di famiglia

Eppure il Comune di Asti ha introdotto una multa per chi non lava la pipì del cane

Se devi metterti al volante, leggi anche A spasso con Fido in auto

Altre letture consigliate

Giornata dell’adozione, la Cina dà l’esempio

Alessandro Macciò

Wildlife Photographer of the Year, natura selvaggia in Valle d’Aosta

Maria Paola Gianni

Alessandria, un ponte dell’arcobaleno nel cimitero degli animali

Alessandro Macciò

Animali domestici, Italia al top in Europa

Alessandro Macciò

Milano, nasce Uptown il primo quartiere d’Italia pensato per i pet

Alessandro Macciò

Pecore al macello, Piqué insegue il camion e si perde

Alessandro Macciò