venerdì, 16 Nov 2018
Quattro Zampe
cane-guida
Curiosità Primo Piano

No al cane-guida: multa salata

Napoli: i titolari del celebre Caffè Gambrinus si sono visti recapitare una multa particolarmente sostanziosa, pari a 883 euro. Il motivo? Non hanno consentito l’accesso al locale al cane-guida che accompagnava una cliente ipovedente. Non sono bastati collare, guinzaglio e museruola, l’ingresso è stato negato. Nel verbale della Polizia Municipale è stato riscontrato il mancato rispetto per la legge che regola il comportamento nei confronti degli animali addestrati ad accompagnare i disabili. Si tratta della legge n.34/1974 in cui si dice che il cane guida di accompagnamento a un disabile può entrare in qualsiasi esercizio aperto al pubblico.
Discriminare un non vedente perché è accompagnato da un cane-guida è punibile dalla legge.

Solo uno spiacevole equivoco?

La famiglia che possiede lo storico locale sostiene, da parte sua, che si tratti solo di un equivoco.
Pare, a loro dire, che chi ha accolto la cliente accompagnata dal cane non si fosse accorto che di fronte a lui c’era una persona disabile. E che, nello scusarsi, non sia riuscito a chiarire l’incomprensione e ad evitare che la signora contattasse immediatamente la Polizia Locale. Nel locale, in ogni caso, l’accesso ai cani per i disabili è permesso solo in alcune sale, non in tutte. Gli altri cani, invece, devono restare fuori.
La gestione del Gambrinus è attiva in città nel sostegno ad iniziative a favore dei disabili e si dice interessata a valutare il ricorso. I titolari si dicono comunque disponibili a incontrare la mancata cliente per chiarire la faccenda davanti a un buon caffè.

di Claudia Ferronato

Altre letture consigliate

Vangelo e animali: non solo lupo e agnello

Redazione Quattro Zampe

Con il fiuto dei cani si può rilevare la malaria

Redazione Quattro Zampe

Sai cos’è lo “snoot challenge”? Prova anche tu la sfida del momento!

Claudia Ferronato