fbpx
martedì, 15 Ott 2019
Quattro Zampe
news Primo Piano

Oipa Italia onlus lancia la campagna #tuttescuse con Ale&Franz

Come? Sbarazzarsi di una dolce creatura per essere più “liberi” d’estate? Con quale coraggio? Con quale scusa? Se c’è qualcuno oppure, meglio, qualcosa da abbondonare, di certo sono le giustificazioni per aver preso un’infelice decisione. Che ci segnerà per sempre e che, soprattutto, potrà essere determinante per la vita o la morte di una dolce creatura che non chiede altro che stare in nostra compagnia. Come si fa a rifiutare un invito all’amore così puro e incondizionato? Una cosa è certa: possiamo inventarci le scuse più incredibili, tanto loro non potranno mai contraddirci!

Ed è proprio su queste assurde giustificazioni che si basa la campagna di Oipa Italia onlus di questa estate, con un messaggio forte contro l’abbandono degli animali, invitando a una riflessione sulle molteplici scuse che vengono addotte per disfarsi dei propri animali domestici.

E rilanciando così la campagna #tuttescuse. Le immagini d’impatto invitano ad abbandonare le giustificazioni dietro le quali ci si nasconde per commettere questo inaccettabile gesto.

AL PARCO CANILE E GATTILE DI MILANO CON ALE&FRANZ

Quest’anno l’associazione ha deciso di rinnovare il consueto evento di piazza, spostandosi nella cornice del Parco rifugio canile e gattile del Comune di Milano, struttura d’eccellenza a livello italiano gestita da Arcadia onlus e Oipa onlus dove, con il patrocinio del Comune di Milano, ha coinvolto alcuni dei meravigliosi cani in attesa di una famiglia e due amici sempre dalla parte degli animali, il duo comico Ale&Franz.
Il video messaggio girato dai due testimonial ha riletto in chiave comica il concetto delle scuse che vengono addotte da chi abbandona, trattando così il tema con la simpatia che li ha resi celebri.

COMPAROTTO: “SCUSE SEMPRE PIÙ BANALI”

L’abbandono costituisce un fenomeno preoccupante, simbolo di un grande problema culturale, contro cui l’Oipa si batte da anni non solo attraverso le campagne di sensibilizzazione, ma anche con l’impegno quotidiano dei volontari su tutto il territorio nazionale. Oltre alle classiche forme di abbandono, ancora diffuse, negli ultimi anni abbiamo registrato un aumento della cessione volontaria dei cittadini dei propri cani sempre con scuse banali, frutto della facilità con cui ancora oggi i cani possono essere acquistati o adottati senza gli adeguati controlli.

Massimo Comparotto, presidente Oipa Italia onlus

L’ASSESSORE GUAINERI: “INACCETTABILI GESTI DI INCIVILTÀ”

A testimonianza dell’attenzione che la capitale lombarda riserva al benessere e al rispetto dei nostri compagni di vita a quattro zampe è intervenuta anche Roberta Guaineri, assessore con deleghe alle Politiche per la tutela e difesa degli animali del Comune di Milano.

Ringrazio Ale&Franz e tutti i volontari di Oipa che anche quest’anno ripropongono questa importante campagna contro il deprecabile fenomeno degli abbandoni estivi. Una volta adottati, cani e gatti diventano veri e propri compagni delle nostre vite e non possono essere abbandonati come oggetti che non servono più. Campagne come questa sono fondamentali per diffondere una cultura che stigmatizzi con fermezza tali inaccettabili gesti di inciviltà e che al contempo responsabilizzi anche tutte le famiglie che con superficialità regalano un cucciolo ai propri figli come fosse un peluche, del quale, magari, disfarsi quando si è stanchi. Bambini e ragazzi devono imparare a prendersi cura degli amici a quattro zampe con affetto e pieno rispetto delle loro esigenze.

Roberta Guaineri, assessore con deleghe alle Politiche per la tutela e difesa degli animali del Comune di Milano

Guarda il video dell’Oipa contro l’abbandono degli animali

Altre letture consigliate

Orecchie e coda: è reato tagliarle!

Studio Legale Zambonin

Vivere in condominio con un cane

Claudia Taccani

Aiuto, il mio gatto ha il linfoma

Alessandro Arrighi

Pastore Bergamasco

Sofia Golden

Ma ce l’hai con me? Quando il gatto è aggressivo

Ewa Princi

Animali con noi al lavoro

Claudia Taccani