fbpx
venerdì, 26 Apr 2019
Quattro Zampe
news

In viaggio con Fido: che documenti portare?

Se partiamo per le vacanze con il nostro cane, quali sono i documenti che dobbiamo portare? Vediamolo insieme.

Dati registrazione anagrafe canina

  • Dati animale: razza, sesso, colore, numero di microchip.
  • Dati proprietario: nome e cognome, indirizzo e codice fiscale. I proprietari per poter essere iscritti all’anagrafe canina devono essere maggiorenni. Un minorenne non può essere detentore o proprietario

 Documenti Anagrafe Canina

  • Documento di riconoscimento del proprietario
  • Codice fiscale del proprietario
  • Modello delega compilato con fotocopia del delegante, qualora l’accompagnatore sia diverso dal proprietario.

Documenti di viaggio

  • Libretto delle vaccinazioni: sono riportati i dati del proprietario, dell’animale e i vaccini fatti. Controllare che abbiate fatto fare tutti i richiami annuali, altrimenti dovrete recarvi dal veterinario per sistemare quello che manca;
  • Microchip: è un dispositivo di identificazione permanente dell’animale. È obbligatorio iscrivere fido all’anagrafe canina, mentre per il gatto è facoltativo.
  • Certificato di buona salute: viene rilasciato dal veterinario che dichiara il buono stato di salute del vostro animale.
  • Certificato di vaccinazione antirabbica: la rabbia è una malattia che da qualche anno è ricomparsa in Italia, ma anche all’estero. Viene richiesto a chi si reca in vacanza all’estero e per quanto riguarda l’Italia solo a chi va in Sardegna. È una vaccinazione eseguita dal medico veterinario che rilascerà un certificato di avvenuta vaccinazione.
  • Passaporto europeo: per chi viaggia all’estero è obbligatorio il passaporto per gli animali. Viene rilasciato dalla Asl veterinaria e contiene informazioni dettagliate che attestino l’esecuzione di una vaccinazione antirabbica in corso di validità. Per un periodo limitato, Irlanda, Malta, Regno Unito e Svezia richiedono un test per verificare l’efficacia della vaccinazione effettuata. I necessari test devono essere effettuati almeno sei mesi prima di recarsi in Irlanda, Malta o Regno Unito e 120 giorni dalla vaccinazione nel caso della Svezia. Inoltre, per l’ingresso in Irlanda, a Malta e nel Regno Unito sono richiesti il trattamento contro le zecche e il trattamento contro la tenia (echinococcosi). Finlandia e Svezia richiedono il trattamento contro la tenia.

Vuoi saperne di più?

L’articolo integrale si trova nel numero di giugno del nostro giornale. Se te lo sei perso, se vuoi rileggerlo, puoi scaricare gratuitamente la nostra App e consultare gli arretrati. Basta andare a questo collegamento.

a cura di Valentina Maggio*
*Nutrizionista cane e gatto e Istruttore cinofilo

Altre letture consigliate

Squadra 4 Zampe: adozioni per sempre

Claudia Ferronato

“Pappa per Tutti” dona 1 milione di pasti ai rifugi ENPA

Claudia Ferronato

7 specie di uccelli da salvare: Aiuta la Lipu!

Claudia Ferronato