venerdì, 16 Nov 2018
Quattro Zampe
vacanze con il gatto
Itinerari Pet Friendly

Vacanze con il gatto: il giro del mondo per cat cafè

Turismo, food e mici: le vacanze con il gatto si possono fare.
Viaggio tra location al top e splendidi cat café ad Amsterdam, Bruxelles, New York, Madrid e Parigi.
E non mancano i consigli utili per viaggiare con Micio.
Da un’insolita e originale idea di Volagratis.

vacanze con il gatto

Vacanze gattofile

E noi lo scriviamo spesso: perché portare solo il cane?
Per quale motivo lasciare sempre confinato in casa il povero gatto?
Certo, non è mai uscito, ma se mai proveremo, mai potremo dire di averlo fatto “disabituare” dalla routine casalinga.
D’altra parte il gatto, molto più del cane, ha conservato il suo istinto selvatico, caratteristica che fa un po’ “a pugni” con l’ambiente domestico.
Comunque, prima di qualsiasi decisione, è meglio chiedere consiglio al veterinario di fiducia e a un comportamentalista.Ricordarsi, poi, che il micio al guinzaglio va abituato sin da piccolo.
Ed è sempre meglio che sia microchippato e porti al collo una medaglietta col nostro numero di telefono.

Cinque mete da favola

Siamo pronti, quindi, a questo viaggio immaginario in cinque splendide città turistiche come Amsterdam, Bruxelles, New York, Madrid e Parigi.
Città dove troveremo cinque illustri “cat cafè”, da un’idea di Volagratis.com.
Tutte località da visitare con il nostro amato gatto.
Tra l’altro, viste le ridotte dimensioni, avrà molti meno problemi del cane a viaggiare con noi in cabina.
vacanze con il gatto

Stesse richieste per passeggini e pet

Secondo Volagratis.com le richieste speciali relative al trasporto degli animali a bordo in aereo sono tante quanto quelle per i passeggini.
Un dato che fa riflettere, a fronte di un occidente sempre più industrializzato.E sì viviamo in un’Italia col triste primato della denatalità, colmato sempre più spesso dalla presenza di un animale d’affezione in famiglia.
Se poi Micio proprio non ne vuole sapere di viaggiare e di dare un’occhiatina a quello che c’è fuori casa, niente paura.
Lui resterà nel suo ambiente domestico, con la sua lettiera, i suoi giochi e il suo arricchimento ambientale (dopo aver programmato che qualcuno lo accudirà e coccolerà durante la nostra assenza).
E noi potremo colmare, per quanto possibile, la nostalgia del nostro amico peloso, anche quando saremo in vacanza, con questo felin-viaggio per il mondo.
Ben cinque “Cat Café”, dunque, bar e bistrot con gatti in carne e ossa che gironzolano indisturbati e accolgono i clienti con allegri miagolii e vocalizzazioni.
In molti casi anche pronti per essere adottati.

vacanze con il gatto

Parigi, Le café des chats

Cominciamo col primo locale dove si beve e si mangia a suon di fusa.
Le Café des Chats (9  Rue Sedaine) è un delizioso e intelligente ritrovo pet-friendly.
Inaugurato nella capitale francese nel settembre del 2013, è aperto sette giorni su sette.
Qui vivono, felici e contenti, una decina di gatti, tutti vaccinati e sterilizzati.
Provengono da un rifugio francese gestito dall’associazione di protezione animali “Phoenix” (Association des drats disparus d’Aveillé, la main à la Pat).
Gatti trovatelli che in questa nuova sede fanno il pieno di affetto, serenità, divertimento e compagnia. Il Café des Chats è il luogo perfetto per gustare l’atmosfera bohémienne parigina tra comode poltrone, mobili d’epoca e sinuose code feline.
I più affezionati si potranno anche accomodare per terra, su morbidi cuscini, per accarezzare meglio gli aristocratici protagonisti felini.
Tutti mici in perfetta salute, che godono di assistenza veterinaria e, per chi lo volesse, sono pronti per un’adozione del cuore.
Così, dopo asserci regalata questa dolce pausa a base di coccole “sornione”, potremo continuate a scoprire Parigi.
Magari avventurandoci nel quartiere “Le Marais”, dove fare tappa al Museo Carnavalet o al Centre Pompidou.

vacanze con il gattoMadrid, La Gatoteca

Alla Gatoteca di Madrid (Calle Argumosa, 28)
non è tanto importante cosa si sceglie da bere o mangiare. A rendere speciale questo locale sono ovviamente “los gatitos”, sempre pronti a estasiare i visitatori. Inaugurato nel 2013 a Madrid, è la prima caffetteria felina di tutta la Spagna.La particolarità della Gatoteca è che i gatti presenti in questo bar possono essere adottati.
Qui, infatti c’è anche la sede dell’associazione animalista “Abriga” (Asociación Benéfica por el Rescate e Inserción de Gatos en Adopción).
E magari, dopo aver fatto scorta di coccole, potremo passeggiare fino al vicino Museo Reina Sofia, dove resteremo nuovamente estasiati.
Questa volta di fronte a Guernica, il capolavoro di Pablo Picasso.

vacanze con il gatto

Bruxelles, Le New Chattouille

Prima incontriamo Manneken pis, la piccola statua in bronzo situata nel centro storico di Bruxelles, simbolo dell’indipendenza di spirito degli abitanti.
Poi visitiamo la mastodontica Grand Place dove ammiriamo l’Atomium, il caratteristico monumento nel Parco Heysel.E poi ci prendiamo una pausa nel dolcissimo Le New Chattouille (Rue Tasson-Snel, 11).
È il cat-café di Bruxelles dove saremo accolti da gatti salvati dalla strada e pronti per essere adottati.
Tutti scelti con cura in base al buon carattere, ideali per interagire con i numerosi visitatori, tra birre, spuntini, bevande calde, dolci, tè e cioccolate.
Sul sito ci sono anche le foto con le schede dei gatti da adottare, tutti vaccinati e sterilizzati.

vacanze con il gatto

Amsterdam, Kattencafe Kopjes

Come si dice “miao” in olandese?
Per scoprirlo possiamo andare al Kattencafe di Amsterdam (Marco Polostraat 211), un locale pieno di amici pelosi che ci terranno compagnia tra un caffè o una fetta di torta.
Il café non è molto grande, meglio prenotare in anticipo, la location è molto tranquilla, pulita e accogliente.
I proprietari, come è facile immaginare, sono grandi amanti di gatti.
È il posto ideale per trascorrere qualche ora diversa dal solito.I gatti non sono invadenti, molti di loro ronfano tranquilli nelle loro ceste.
Da raggiungere, ovviamente, in bicicletta, il mezzo migliore per esplorare la splendida capitale dei Paesi Bassi. Miauw!

vacanze con il gatto
New York, Koneko Cat Café
Koneko, termine giapponese che in italiano vuol dire “gattino”, è un cat-café a New York City (26 Clinton St) ideato da una ditta specializzata in progettistica di spazi.
Per questo è davvero ampio e arioso e offre un’atmosfera molto zen e minimalista, con bellissime foto di gatti in bianco e nero.
Un mega-locale che funge anche da galleria d’arte con opere di noti pittori e fotografi, tutte in vendita.
I proventi poi vanno a favore delle associazioni che si occupano delle adozioni dei gatti e ai loro rifugi. Così, tra dolci “made in Usa” e tanti micetti in attesa di coccole, potremo passare un piacevole “fuori-programma” nel cuore della Grande Mela.
Dove accarezzare magnifici esemplari felini e magari adottando il nostro preferito.
E mentre faremo shopping a Manhattan, potremo acquistare anche un trasportino omologato Iata per il viaggio aereo.
vacanze con il gatto

Le regole

È severamente vietato:
• tirare la coda o le orecchie dei gatti
• forzare un gatto a restare
• prendere in braccio un gatto che non lo vuole
• svegliare un micio addormentato

vacanze con il gatto

Voli di linea e low cost

Lanciato in Italia nel 2004, Volagratis è stato il pioniere dei motori di ricerca per voli.
Oggi il sito propone un’ampia offerta integrata che comprende voli di compagnie aeree tradizionali e low cost.
Oltre a soggiorni in hotel, pacchetti vacanze, crociere, servizi di auto a noleggio e altri prodotti e servizi legati ai viaggi e al tempo libero.

I clienti possono ricercare, comparare e prenotare rapidamente le offerte più convenienti sfruttando al meglio il proprio budget e usufruendo di un servizio di ottimo livello.
Volagratis è parte di lastminute.com group, una travel company.

5 Miao consigli

Viaggiare col gatto richiede qualche attenzione particolare.
Per questo motivo, Volagratis.com ha stilato una serie di regole per aiutare tutti i viaggiatori che non
vogliano separarsi dall’amico felino.
Le regole possono variare in base alla compagnia aerea: in certi casi, ad esempio, gli animali non sono ammessi a bordo.
Inoltre, alcuni paesi all’estero adottano controlli e norme specifiche per l’ingresso dei pet.
Verificare sempre le indicazioni della compagnia con cui si vola.

vacanze con il gatto

1 Il biglietto.

Anche il gatto (come il cane) ha bisogno del suo biglietto.
I posti per animali domestici sul velivolo sono limitati, quindi, prima di prenotare assicurarsi che non siano già tutti occupati.

2 Il passaporto.

Per viaggiare all’estero, il pet ha bisogno del passaporto rilasciato dai servizi veterinari dell’azienda sanitaria locale.
Dovrà contenere tutti i dati anagrafici e l’elenco delle vaccinazioni e dei trattamenti fatti.
Programmare una visita dal veterinario per evitare spiacevoli sorprese al momento dell’imbarco.

3 Il trasportino.

Il gatto dovrà restare per tutta la durata del volo nel trasportino omologato Iata, l’ente internazionale che
stabilisce le norme per il trasporto aereo.
Il peso massimo consentito per il contenitore può variare, in genere tra i 6 e i 10 kg.
Quanto alle dimensioni, valgono le linee guida della compagnia aerea, che possono cambiare anche sul tipo di trasportino, se rigido, semi rigido o morbido.
Meglio rivolgersi alla compagnia con cui si vola ed eventualmente acquistare dalla stessa il trasportino adeguato.
L’importante è che il pet vi stia comodo, possa ben respirare, vi possa bere ed eventualmente mangiare e che il fondo sia impermeabile.
Non dimentichiamoci di incollare un’etichetta con i nostri riferimenti anche sul trasportino.

vacanze con il gatto

4 In salute.

Non sono ammessi animali in gravidanza, in calore o i cuccioli con meno di tre mesi di vita.
Prima del viaggio assicurarsi che sia in perfetta salute.
Per evitare lamentele da parte dell’animale, provare ad abituarlo a stare nel trasportino già nei giorni precedenti la partenza.

5 La valigia e il check in.

Preparare la valigia ricordando di portare anche cibo e acqua.
Quest’ultima si potrebbe congelare nella ciotola per evitare che si versi durante gli spostamenti pre-volo. Al check-in il gatto potrà uscire dal trasportino e, in braccio al proprietario, dovrà passare sotto
il metal detector.
Il trasportino, invece, verrà scansionato vuoto ai raggi X.
Dotare il felino di un collarino con etichetta, con nome e recapito telefonico.

Info:

Volagratis

Le cafè des chats

La Gatoteca

Le New Chattouille

Kattencafe Kopjes

Koneko Cat Cafè

di Maria Paola Gianni

Altre letture consigliate

Un’avventura a sei zampe: il Trenino rosso del Bernina

Merano: meta per i viaggi con gli animali

Redazione Quattro Zampe

Agriturismo Demo di Cala Piccola a Porto Santo Stefano

Redazione Quattro Zampe